Lavoro

Occupazione

Cresce lo Smart Working in Italia

Nel nostro Paese il lavoro agile è una realtà in forte crescita, soprattutto nelle grandi aziende. Questo emerge dall’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano
Print
Cresce lo Smart Working in Italia

Nel 2017 lo Smart Working ha registrato un + 14% rispetto al 2016, arrivando ad annoverare oltre 305mila persone pari all’8% del totale dei lavoratori del campione* che hanno autonomia nell’organizzazione del proprio lavoro in termini di luogo, orari e strumenti impiegati.

Infatti, si legge nel paper dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, ad aver lanciato progetti in questo senso è il 36% delle aziende rispetto al 30% dell’anno precedente e ben una su due è intenzionata ad avviarne, anche se le iniziative che portano a vero ripensamento complessivo dell’organizzazione del lavoro riguarda solo il 9%.

Anche un recente sondaggio di Manageritalia, svolto su un campione di 1.200 manager, rileva che circa il 20% delle imprese ha già adottato forme di lavoro a distanza, al fine di realizzare una maggiore flessibilità dell’organizzazione e migliorare la conciliazione vita privata e professionale dei manager.

Mentre è sempre attivo il progetto Produttività & Benessere nato per  introdurre politiche, strumenti e azioni al fine di migliorare l’organizzazione aziendale, la flessibilità organizzativa e lavorativa, la collaborazione e la produttività e aumentare la conciliazione della vita professionale e privata, la salute e il benessere in azienda.

È nella vostra azienda ci sono in corso progetti di Smart Working?

*Impiegati, quadri e dirigenti che lavorano in aziende pubbliche o private con più di 10 dipendenti


ALTRI ARTICOLI di Lavoro