Focus

Veneto: Turismo, Giovani, Imprese, Lavoro print

Manageritalia Veneto e CISET, stimolati a riflettere sul futuro dei turismi nel Veneto, hanno promosso un progetto quadriennale “TURISMO: GIOVANI, IMPRESE, LAVORO. IL VENETO VERSO MILANO-CORTINA 2026”.
Il progetto vuole contribuire a consolidare e professionalizzare il vasto mondo delle attività che si connettono al lavoro “nel” e “per” i differenti turismi attraverso la realizzazione di studi, ricerche, il coinvolgimento attivo di tutti gli stakeholder, utilizzando un approccio partecipativo e la proposta di un frame basato su tre parole chiave: integrazione, trasversalità, managerializzazione.

Con questi obiettivi è stato creato il PREMIO PER TESI DI LAUREA SU “TURISMO: GIOVANI, IMPRESE, LAVORO” con il quale Manageritalia Veneto e CISET, in qualità di promotori, intendono valorizzare le analisi e gli studi di giovani sulle tematiche del turismo indicate nel bando.

Il 3 ottobre 2023 a Venezia Manageritalia Veneto e CISET hanno premiato sei giovani laureati del triveneto in discipline turistiche consegnando il premio Turismo, giovani, imprese e lavoro.
La commissione, composta da imprenditori, manager ed esperti di turismo, ha assegnato i premi selezionando tra dodici tesi presentate secondo criteri di: livello di approfondimento nella presentazione degli studi e dei casi; innovazione ed originalità; rigore metodologico.

La premiazione è avvenuta a conclusione dell’evento Turismo: l’evoluzione delle imprese e la sfida del capitale umano, che fa parte del progetto Turismo, Giovani, Imprese, Lavoro: il Veneto verso Milano-Cortina 2026: attraverso la realizzazione di studi, ricerche e il coinvolgimento attivo di tutti gli stakeholder pubblici e privati, Manageritalia Veneto e Ciset hanno avviato un percorso quadriennale per stimolare istituzioni, scuola e operatori a riflettere sul futuro dei turismi in Veneto e sul valore del capitale umano nel settore turistico.


Di seguito i vincitori del PREMIO TESI DI LAUREA SU “TURISMO: GIOVANI, IMPRESE, LAVORO” 1° edizione 2023

TESI MAGISTRALI

PRIMO PREMIO

1. Vetromile Giulia
UNIVERSITA’ CA’ FOSCARI VENEZIA
Corso di Laurea Magistrale in Sviluppo Interculturale dei Sistemi Turistici

“L’IMPATTO DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE SUL SETTORE ALBERGHIERO: UN CASO DI STUDIO SULL’UTILIZZO DEI CHATBOT IN HOTEL”

MOTIVAZIONELa tesi, ben strutturata, è coerente con il tema dell’impatto delle tecnologie sull’organizzazione del lavoro, delle risorse umane e sulle relative competenze. L'Intelligenza Artificiale nel settore dei servizi e, in particolare, il suo supporto ai processi aziendali è ancora poco discusso e dovrà certamente svilupparsi per le conseguenze a livello organizzativo. La tesi dimostra un rigoroso approccio metodologico, con un’analisi che comprende interviste, analisi di dati e questionari, anche se, per una maggiore estensione e generalizzazione dei risultati, sarebbe stato opportuno disporre di un maggior numero di casi e di feedback, pure in differenti contesti turistici, in Italia e all’estero. Per questo auspichiamo che altri lavori di tesi sviluppino ulteriori analisi, utili al mondo delle imprese di fronte a dei mutamenti tecnologici importanti e da gestire.

2 EX-EQUO

1. Carretta Anna (EX-EQUO)
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TRENTO
Corso di Laurea Magistrale in Management della Sostenibilità e del Turismo

“DONNE, AGRICOLTURA E SOSTENIBILITÀ: ANALISI DEGLI AGRITURISMI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA IN UNA PROSPETTIVA DI GENERE”

MOTIVAZIONE
La tesi affronta un argomento sicuramente interessante, che può venir utilizzato per analisi e riflessioni in altri territori. Infatti, il tema del genere dell'imprenditore correlato al tipo di impresa, operante in uno dei comparti del mondo del turismo, e alla sua propensione verso la sostenibilità è rilevante ed anche innovativo. La tesi rivela una padronanza degli strumenti di ricerca ed una metodologia applicata con attenzione. L'identificazione del gruppo di imprese è ben sviluppata, come pure lo sono la lista dei 32 indicatori nei campi della sostenibilità economico, ambientale e sociale (con anche un indice di sostenibilità globale) e l'analisi dei risultati delle interviste. Investigare sulle correlazioni tra il genere dell'imprenditore e le variabili del profilo della persona, il tipo di impresa e di servizi avrebbe potuto arricchire, anche criticamente, il lavoro.

2. Zaccarin Stephanie (EX-EQUO)
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TRENTO
Corso di Laurea Magistrale in Management della Sostenibilità e del Turismo

“IL TURISMO SOSTENIBILE COME OPPORTUNITA’ DI RIVITALIZZAZIONE DEI CENTRI MINORI. IL CASO SAGRON MIS: ANALISI DELLO STATO ATTUALE E PROPOSTA PROGETTUALE DI SVILUPPO”

MOTIVAZIONE
Il tema dello sviluppo del turismo sostenibile è declinato per una destinazione, e cioè un piccolo borgo trentino, dandone il giusto risalto. Il testo è coerente nella presentazione del problema e nella proposta di soluzioni. La valorizzazione dei borghi attraverso strategie di sviluppo turistico sostenibile offre una prospettiva interessante per la conservazione del patrimonio italiano. L’uso di un approccio manageriale e partecipativo è un punto forte in termini di originalità. Inoltre, il tema del destination management è trattato in modo approfondito. La ricerca si sviluppa nell’analisi della domanda e dell’offerta turistica, nella swot analisys (in alcuni aspetti migliorabile) e nel coinvolgimento della comunità locale. Ulteriori supporti empirici, quali ad esempio la raccolta e l'analisi di dati quantitativi sulla domanda turistica, avrebbero potuto rafforzare il lavoro.

TESI TRIENNALI

PRIMO PREMIO

2. Caldonazzo Nicola
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PADOVA
Corso di Laurea in Progettazione e Gestione del Turismo Culturale

“DIMORE STORICHE E SVILUPPO TURISTICO-RICETTIVO. IL CASO DEL CASTELLO DI BEVILACQUA”

MOTIVAZIONE
La tesi sostiene un concetto in parte innovativo, rispetto ad un tema già sviluppato in altri contesti simili: cioè, che le dimore storiche possono “generare” non solo un particolare turismo esperienziale, ma anche maggiori ricavi rispetto al classico turismo culturale, andando ad individuare una tipologia di turismo definita esperienziale storico-culturale. Il lavoro della tesi triennale risulta approfondito nel delineare il contesto di riferimento ed il caso. Varie sono le fonti, buona l’indagine sul campo; tuttavia, i vari temi trattati insieme rendono l’elaborato forse un po' dispersivo.

2 EX-EQUO

1. Zampedri Arianna (EX-EQUO)
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TRENTO
Corso di Laurea in Lingue Moderne per l’intermediazione turistica e d’impresa

“TERRITORIAL MARKETING COMMUNICATION AND CRISIS MANAGEMENT. THE CASE OF TRENTINO MARKETING AND THE POST-PANDEMIC CAMPAIGN “Respira, sei in Trentino

MOTIVAZIONE
Il lavoro, abbastanza completo, presenta uno sforzo metodologico, combinando analisi desk per testare i contenuti testuali della campagna pubblicitaria ed un'indagine online per valutarne l'efficacia. La tesi triennale va apprezzata (c’è infatti l’utilizzo, pur con qualche limite, di un doppio strumento di indagine: multimodale e “classico”), anche se l’approccio complessivo non risulta particolarmente originale e porta a ritrovare risultati che si possono considerare in parte già noti.

2. Sartorato Giorgia (EX-EQUO)
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PADOVA
Corso di Laurea in Progettazione e Gestione del Turismo Culturale

“L’IMPORTANZA DELL’ORGANIZZAZIONE DELLA DESTINAZIONE: Il caso Terme e Colli Euganei”

MOTIVAZIONE
L’esposizione dei contenuti della tesi è chiara ed approfondita, dimostrando buona capacità di sintesi, su un tema peraltro già studiato ed approfondito. La tesi è descrittiva: il lavoro di ricognizione iniziale è ampio e forse corre il rischio anche di essere eccessivo e poco focalizzato in relazione agli obiettivi della tesi triennale. La parte di valutazione del "modello Verona" ripropone la discussione fatta a livello locale: sarebbe stato opportuno – e questo rappresenta anche uno stimolo per ulteriori approfondimenti – integrare l'esame dei documenti con altri strumenti di indagine, quali ad esempio, alcune interviste dirette o focus group con gli attori locali.