Quadri e carriera: il personal network

Dopo aver tracciato il contesto e le difficoltà in cui molti middle manager appartenenti alla cosiddetta generazione dei Millennials si trovano oggi, entriamo nel dettaglio dei consigli offerti da Mike Steep su Forbes per dare una svolta alla propria carriera dei quadri. 



Oggi vediamo il consiglio numero uno: la costruzione di un network personale.



La nostra prima esperienza nella costruzione di un network inizia fin dalla nostra nascita, quando identifichiamo immediatamente una rete di persone preposte alla nostra cura (cibo, abbigliamento e un luogo dove ripararsi): i nostri bisogni fondamentali per la sopravvivenza.

Queste esperienze divengono radicate così profondamente che restano la motivazione dominante per costruire il nostro personal network durante tutta la vita.


VEDI IL RAPPORTO QUADRI 2016. NON PERDERE L’OCCASIONE DI ISCRIVERTI A MANAGERITALIA: ENTRA DA PROTAGONISTA NELLA COMMUNITY DEL MANAGEMENT ITALIANO! 

Quando entriamo nel mondo del lavoro iniziamo a costruire un data base di contatti, accettiamo gli inviti a connessioni LinkedIn e ci dedichiamo a interazioni attraverso i social network, che forma il cuore di un network professionale il cui obiettivo è di aiutarci a ottenere un lavoro, identificare le prospettive dei clienti o aiutarci in una miriade di altri obiettivi.



Per molte persone, solo una piccola frazione del loro network offre un contributo di vero valore. Il resto del network capita. Il numero dei contatti può essere buono su LinkedIn ma questi non aggiungono un reale valore strategico per farci progredire nella nostra carriera.

Se costruito correttamente, il network diventerà uno degli asset più preziosi della vostra carriera.

Come vedremo nei prossimi articoli, il vostro network è un fattore di successo decisivo (WOW Factor) per diversi motivi.


Impostare obiettivi strategici


Il primo step nella trasformazione di un network personale in un asset strategico parte con l’impostare degli obiettivi in linea con quelli professionali. Iniziate con un bilancio della tua azienda e del settore. Lo scopo è capire come la vostra organizzazione lavora – come le decisioni vengono realmente prese, chi sono i leader, le autorità in particolari aree, chi realmente capisce il business model della vostra organizzazione, chi sembra favorire e opporsi ai cambiamenti ecc. Poi estendete la vostra analisi nell’identificare i fornitori chiave della vostra azienda, i competitor e i clienti. La competenza chiave da sviluppare è imparare come connettere e raccogliere contatti all’interno e all’esterno della vostra azienda che possono aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi. I vostri obiettivi strategici cambieranno nel corso della vostra carriera, dunque rivedeteli e modificateli in modo costante.



5 consigli per sviluppare e gestire il vostro personal network

  1. Identificare le persone chiave del network. Il primo step è trascrivere i nomi di persone specifiche che pensate abbiano le conoscenze per aiutare il raggiungimento di ognuno dei vostri obiettivi strategici. Se non conoscete nomi specifici, identificate chi possa aiutarvi a trovarli. La vostra lista di persone qualificate che volete aggiungere al vostro network dovrebbe essere selezionata per una ragione specifica, focalizzandovi su come ogni candidato possa aggiungere valore. Inoltre, chiedete a voi stessi perché vorrebbero voler essere parte del vostro network e come il vostro network crea valore per loro.
  2. Arte delle trattative bidirezionali. I network strategici più preziosi sono basati su una serie di transazioni nelle quali il valore è scambiato in modo reciproco. Una transazione è definita come uno scambio di valore tra voi e un’altra persona. Il valore deve arrivare a entrambi, non solo a voi. Una transazione può prendere la forma di “Conosco chi può aiutarti a risolvere quel problema. Lascia che ti presenti. A proposito, mi diresti cosa pensi della loro strategia di prodotto una volta che hai parlato con loro?”. Nel tempo, è una serie di queste transazioni che ampliano e approfondiscono il valore del vostro network per voi e per gli altri membri del network. Un punto molto importante delle transazioni bidirezionali è la tempestività. Sollecitate sempre il vostro network. Come in ogni accordo commerciale il passaggio del tempo estingue l’opportunità.
  3. Capite il vostro valore percepito. Trovare il valore che portate agli altri è spesso la parte più difficile nella costruzione di un personal network di successo. È utile pensare al vostro valore come “valore percepito” che deriva da una serie di fattori: lazienda per cui lavorate – Se è Google il valore percepito è più grande rispetto a quello di un’azienda meno nota. Il valore è negli occhi di chi vi osserva.
    Quello che sapete – La vostra expertise personale dovrebbe essere una fonte di valore (tecnica, ruolo, competenza funzionale o conoscenza del mercato).
    Chi vi conosce (avere la vostra reputazione, che precede la presentazione da parte di un intermediario credibile) è sempre uno step prezioso nello sviluppo del vostro network. Accedere al vostro network è anche una fonte di valore per i membri del vostro network.
    Area di interesse espressa. Uno dei modi più efficaci di iniziare una relazione di valore con un contatto del network è di esprimere interesse in ciò che fanno. Per esempio, “Ho letto il vostro articolo su xxx ed era affascinante. Ho fatto ricerche simili e non vedo l’ora di leggere altri vostri articoli e aggiungere commenti”. Dovete essere sinceri sul vostro interesse.



  4. Estrarre valore dal vostro network
    . Estrarre valore dal vostro network non è così semplice come chiedere quello di cui avete bisogno. Dovete selezionare e alimentare il vostro network nel tempo. La selezione/eliminazione dei membri del vostro network è un’attività cruciale per sostenere il vostro network. Nutrire è dare valore alle altre persone attraverso le transazioni per tenerle impegnate.
  5. Sostenere il vostro network. Costruire un network personale è una competenza professionale. Richiede tempo da dedicarci, piani con scopi, perseveranza e creatività. Dovete sviluppare una spietata obiettività nell’eliminare i contatti dal vostro network quando non contribuiscono più ai vostri obiettivi strategici e non sono più su un livello appropriato. È un discorso di qualità, non di quantità. Più il valore del vostro network cresce, date un prezzo all’accesso del vostro network per gli altri.

    Per concludere, un ultimo consiglio. Il processo di eliminazione e di nutrimento guidato dai vostri obiettivi è cruciale per mantenere la rilevanza del network. Rivedete spesso i cinque principi e ricordate che il valore è creato attraverso il processo bidirezionale di transazione.


Punti chiave:


  1. Non lasciate che il vostro personal network vi capiti
  2. Costruitelo in modo strategico
  3. Identificate e inserite nel vostro network individui che vi aiutino a raggiungere i vostri obiettivi strategici
  4. Seguendo i cinque principi si accrescerà costantemente il valore del vostro network.
Facebook
LinkedIn
WhatsApp

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Cerca