Fondi ed Enti contrattuali

Fasdac print


Il Fasdac (Fondo di assistenza sanitaria dei dirigenti di aziende commerciali Mario Besusso) è stato costituito con i contratti collettivi del 1948 per i dirigenti delle aziende commerciali e del 1953 per i dirigenti delle aziende di autotrasporto e spedizione. Manageritalia è stata la prima, tra le organizzazioni dei dirigenti d'azienda, a creare nel 1948 un servizio di assistenza sanitaria integrativo per i propri associati, per fornire a loro e alle loro famiglie un efficace sistema di tutela della salute.
Il Fasdac è iscritto e nel 2018 ha rinnovato l’iscrizione all’Anagrafe dei Fondi Sanitari di cui ai Decreti Ministero della Salute del 31 marzo 2008 e del 27 ottobre 2009, con il numero di protocollo: 0031661-16/10/2018-DGPROGS-DGPROGS-UFF02-P. Il Fasdac rispetta la soglia delle risorse vincolate prevista dal D.M. 27 ottobre 2009.

L'assistenza sanitaria gestita dal Fondo Mario Besusso, meglio conosciuto come Fasdac, è prevista dai contratti collettivi di lavoro dei dirigenti delle aziende commerciali, dei trasporti, degli alberghi, delle agenzie marittime e dei magazzini generali stipulati da Manageritalia. Il Fondo fornisce un efficace servizio di tutela della salute, a integrazione delle prestazioni offerte dal servizio pubblico. Rimborsa le spese sanitarie e assiste sia i dirigenti in attività che quelli in pensione e i loro familiari (con le modalità e nei limiti fissati dal regolamento). E' un'istituzione autonoma e si finanzia attraverso i contributi versati per contratto dalle aziende e dai dirigenti.

Gli organi gestionali del Fondo vedono la partecipazione di rappresentanti di Manageritalia e delle organizzazioni imprenditoriali Confcommercio e Confetra (vedi sistema decisionale).

Ogni anno il Fasdac segue decine di migliaia di pratiche sanitarie, ponendosi, anche per la percentuale media di rimborso, tra i migliori fondi del suo genere.
Il Fondo è regolato da uno Statuto e da un Regolamento.


DOVE SIAMO
Via Eleonora Duse 14/16 - 00197 Roma tel. 06 8091021 - fax 06 80910237 - info@fasdac.it

Gli assistiti possono ricorrere con la forma indiretta alle prestazioni di strutture di cura o di medici/chirurghi al di fuori del sistema convenzionale Fasdac in Italia o all’estero.
In questi casi l’assistito corrisponde l’intero costo della prestazione e successivamente chiede al Fasdac il rimborso per il tramite dell’Associazione territoriale, utilizzando l’apposita  modulistica.
Il rimborso avviene sulla base di importi predefiniti nel Nomenclatore Tariffario, secondo i valori medi della forma diretta.
 
4 regole importanti per presentare correttamente una domanda di rimborso con la forma indiretta
1) Ogni richiesta di rimborso deve riferirsi ad un solo evento di malattia per ogni assistito (iscritto o familiare) e può contenere più documenti di spesa.
2) Massimo 6 mesi per raccogliere e presentare la documentazione di spesa. La richiesta di rimborso deve essere chiusa e presentata all’Associazione territoriale Manageritalia entro 6 mesi dalla data del primo documento di spesa. Se tra i documenti di spesa vi è una (o più) “fatture di acconto” - il termine di presentazione di 6 mesi decorre dalla data della “fattura di saldo”. Se la pratica viene inviata all’Associazione a mezzo posta - ai fini del computo dei sei mesi, viene presa come valida la data di spedizione attestata dal timbro postale e non quella di ricezione.
3) Tutta la documentazione deve essere in fotocopia.
Il Fasdac accetta soltanto le fotocopie della documentazione sanitaria (prescrizioni mediche, certificati, cartelle cliniche…) e di spesa (fatture, ricevute, scontrini,…). Ai fini della lettura ottica, tutti i documenti di spesa devono essere fotocopiati singolarmente, senza la sovrapposizione di altri documenti, ed essere perfettamente leggibili in  bianco e nero e formato A4.
4)  La richiesta di rimborso deve essere sempre firmata dall’iscritto anche per le pratiche relative ai familiari assistibili.

Scarica la modulistica
 
ALTRE INFORMAZIONI UTILI
Tutti i documenti delle spese sostenute all’estero devono essere accompagnati dalla traduzione completa delle voci elencate compilata su documento aggiuntivo.
Le prestazioni sono rimborsate tenendo conto del controvalore in Euro alla data della fattura.
Le disposizioni particolari inerenti la documentazione da allegare per le singole categorie di prestazioni sono indicate nelle Norme (vedi punto 4.4) e nelle relative Sezioni del Nomenclatore Fasdac.
In caso di spese di una certa entità è opportuno rivolgersi all’associazione territoriale per una consulenza e un eventuale controllo dei preventivi di spesa.