Economia

Italia

On the road: tappa a Manageritalia Veneto

Un rapido giro per l’Italia per vedere da vicino come sono ripartite dopo l’estate le Associazioni territoriali. Oggi ci confrontiamo con Lucio Fochesato, presidente di Manageritalia Veneto
  • Data 26 ott 2021
  • Tempo di lettura
    5 min
Print
On the road: tappa a Manageritalia Veneto

Manageritalia Veneto (ri)parte in quarta e lancia Management e Turismo, un forum annuale per fare il punto sugli sviluppi del turismo, settore vitale per la regione. Ne parliamo con il presidente dell’associazione, Lucio Fochesato

Come è ripartita la vostra attività dopo la pausa estiva?
«Bene! Da parte degli associati c’è una buona richiesta di servizi, sia da remoto che in presenza, e un alto gradimento circa le attività svolte. Insieme a Manageritalia Emilia-Romagna e Toscana abbiamo realizzato un webinar molto partecipato su Fondir, per insegnare come utilizzare i fondi dedicati alla formazione dei dirigenti, così da integrare quella prevista dal contratto offerta da Cfmt».

Secondo il vostro osservatorio, qual è la situazione circa l’occupazione dei dirigenti?
«Il mercato non mostra particolari segnali negativi, anzi, è in ripresa. Questo si ripercuote positivamente anche sulla nostra base associativa, che a settembre è aumentata. Le imprese del nostro territorio paiono anche sempre più consce dell’importanza che cultura e gestione manageriale hanno per garantire competitività, crescita e un buon posizionamento sul mercato».

Quali sono i servizi al momento più richiesti dai manager? Quali le novità?
«La maggior parte dei servizi di consulenza riguardano il Fasdac (Fondo integrativo sanitario contrattuale) che, dopo due anni di difficile accesso alle strutture sanitarie, ha appena rilanciato a pieno ritmo i programmi di prevenzione. Abbiamo notato che molte richieste su previdenza, contratto, lavoro e fisco vengono fatte tramite AskMit, il servizio online per informazioni e consulenze in 48 ore».

Come state collaborando sul territorio con i vostri stakeholder per contribuire alla ripresa e alla crescita?
«A ottobre abbiamo realizzato un importante convegno dal titolo “La trasformazione del lavoro nel turismo veneto: le filiere produttive e il ruolo dei manager”. Nato da una nostra idea e organizzato con l’Università Ca’ Foscari, Ciset, Associazione Veneziana Albergatori, ha coinvolto anche Confindustria Veneto, i Musei Civici di Venezia, esponenti del Made in Italy e dell’Agrifood Veneto e l’assessore al Turismo del Comune di Venezia, Simone Venturini. L’obiettivo era stimolare un dialogo tra le varie realtà che operano in questo specifico settore e valorizzare l'apporto della cultura manageriale e del management all'innovazione e alla crescita del sistema del turismo veneto. Abbiamo avuto un grande successo e una partecipazione tale da lanciare Management e Turismo, un forum annuale per fare il punto sugli sviluppi».

Quali sono le prospettive economiche per il Veneto?
«Le prospettive sono buone, ma la ripresa è ancora un po’ lenta, anche nel turismo. Per dare corpo e forza alla crescita dovremo davvero lavorare sulla trasformazione del lavoro e dei modelli di business, in parte già in atto. Vogliamo sicuramente portare il nostro contributo e quello dei manager associati anche fuori dalle aziende, collaborando con gli stakeholder del territorio, impegnandoci per dare slancio alla messa a terra del Pnrr».



LEGGI ANCHE:

On the road: tappa a Manageritalia Lombardia
On the road: tappa a Manageritalia Trentino-Alto Adige
On the road: tappa a Manageritalia Lazio, Abruzzo, Molise, Sardegna e Umbria
On the road: tappa a Manageritalia Campania


ALTRI ARTICOLI di Economia