Contratti

Commercio print

La seconda parte del ccnl è dedicata al trattamento economico.
Le voci retributive previste, da corrispondersi per 14 mensilità, a prescindere da eventuali importi individuali concordati direttamente tra l'azienda e il dipendente, sono:

  • minimo contrattuale mensile
  • eventuali scatti di anzianità
  • eventuale elemento di maggiorazione
  • eventuale superminimo contrattuale

Minimo contrattuale mensile (art. 5)
Dal 1° luglio 2013, il minimo contrattuale mensile è pari a € 3.890,00 lordi.
Il minimo contrattuale di € 3.890,00 mensili lordi rimane invariato per tutto il periodo di validità del CCNL e, quindi, in fase di assunzione o nomina di nuovo dirigente, la retribuzione contrattuale è costituita da questa sola voce a cui si aggiungeranno di volta in volta gli aumenti retributivi, secondo le scadenze indicate dall’accordo del 21 luglio 2016.
Tali aumenti andranno corrisposti in una voce separata distinta dal minimo base, come si è operato in passato per il superminimo contrattuale (eventualmente si può usare la stessa dicitura “superminimo contrattuale” o incrementare l’eventuale superminimo contrattuale già esistente nel foglio paga).
L’accordo di rinnovo del 21 luglio 2016 ha previsto un incremento retributivo mensile a regime di 350,00 euro lordi, così suddivisi:

AUMENTODECORRENZA
   80 euro1° gennaio  2017
100 euro1° gennaio  2018
170 euro1° dicembre 2018


Gli aumenti potranno essere assorbiti da somme concesse con espressa clausola di assorbibilità.

Scatti di anzianità (art. 9)
L'istituto degli scatti di anzianità è stato abrogato a decorrere dal 1° luglio 2004. I dirigenti in servizio al 30 giugno 2004, oltre naturalmente a mantenere quanto maturato a tale titolo, si vedranno corrispondere, nel corso del biennio 1° luglio 2004/30 giugno 2006, un importo pari a € 258,22 mensili lorde, corrispondenti a due scatti con i seguenti criteri:

  • € 129,11 al momento di quella che sarebbe stata la data di maturazione dell'abrogato scatto di anzianità;
  • i rimanenti € 129,11 decorsi sei mesi da tale data. Ai dirigenti che, nel biennio in parola avrebbero maturato l'11° scatto di anzianità sarà dovuto unicamente l'importo indicato alla lettera a.

Tali importi non potranno essere assorbiti da alcuna voce retributiva.

Elemento di maggiorazione (Allegato L)
Si tratta di un elemento della retribuzione che veniva determinato in percentuale sugli elementi della retribuzione individuale di fatto considerati utili ai fini del tfr. Con decorrenza 1° luglio 1995 si è stabilito di congelare in cifra fissa quanto maturato a tale titolo; conseguentemente, i dirigenti assunti o nominati successivamente alla data del 30 giugno 1995 non percepiscono questo elemento di maggiorazione.
A titolo indicativo, l'importo minimo dell'elemento di maggiorazione, calcolato sulla retribuzione minima contrattuale del 1995, è pari a L. 657.600 (339,62 €) mensili lorde.
Superminimo contrattuale (art. 6)
Gli accordi economici del 17 giugno 1997, del 22 dicembre 1999, del 25 gennaio 2002, del 27 maggio 2004 e del 23 gennaio 2008 avevano previsto incrementi retributivi che non incidevano sul minimo contrattuale mensile e che venivano conferiti a titolo di superminimo contrattuale ai dirigenti in base alla decorrenza della loro nomina.
Gli importi relativi sono i seguenti:

dal 1° luglio 1997L. 325.000 (167,85 €) lorde mensili
dal 1° gennaio 1998L. 225.000 (116,20 €) lorde mensili
dal 1° gennaio 2000L. 200.000 (103,29 €) lorde mensili
dal 1° luglio 2000L. 400.000 (206,58 €) lorde mensili
dal 1° gennaio 2002L. 520.000 (268,56 €) lorde mensili
dal 1° luglio 2004210,00 € lorde mensili
dal 1° gennaio 2005125,00 € lorde mensili
dal 1° gennaio 2006120,00 € lorde mensili
dal 1° gennaio 2008200,00 € lorde mensili
dal 1° gennaio 2009150,00 € lorde mensili
dal 1° gennaio 2010150,00 € lorde mensili


Nella seguente tabella, riepiloghiamo gli importi dovuti a titolo di minimo contrattuale per gli anni 2008 - 2009 e 2010
(salvo eventuali assorbimenti derivanti dalla revisione del superminimo contrattuale, per i dirigenti che alla data del 23 gennaio 2008 avevano una retribuzione composta esclusivamente da elementi di derivazione contrattuale):

Decorrenza nomina dirigenteSuperminimo contrattuale dall'1/1/2008Superminimo contrattuale dall'1/1/2009Superminimo contrattuale dall'1/1/2010
fino al 30/6/97€ 1.517,48€ 1.667,48€ 1.817,48
dall' 1°/7/97 al 31/12/97€ 1.349,63€ 1.499,63€ 1.649,63
dall' 1°/1/98 al 31/12/99€ 1.233,43€ 1.383,43€ 1.533,43
dall' 1°/1/00 al 30/6/00€ 1.130,14€ 1.280,14€ 1.430,14
dall' 1°/7/00 al 31/12/01€ 923,56€ 1.073,56€ 1.223,56
dall' 1°/1/02 al 27/5/04€ 655,00€ 805,00€ 955,00
dal 28/5/04 al 31/12/04€ 445,00€ 595,00€ 745,00
dall' 1°/1/05 al 31/12/05€ 320,00€ 470,00€ 620,00
dall' 1°/1/06 al 23/1/08€ 200,00€ 350,00€ 500,00
dal 24/1/08 al 31/12/08---€ 150,00€ 300,00
dal 1°/1/09 al 31/12/09------€ 150,00
dal 1°/1/10---------