Management

Formazione

La sindrome dell’impostore

Dubitare del proprio successo e delle proprie capacità nonostante i risultati raggiunti. Come riconoscere questo modello di comportamento e alcuni consigli per avere uno sguardo più obiettivo sul nostro lavoro
Print
La sindrome dell’impostore

Per sindrome dell’impostore si intende un modello di comportamento in cui le persone dubitano del proprio successo e dei loro risultati, nonostante le prove obiettive.

Numerosi studi rivelano che l'85% degli adulti si sentono inadeguati o incompetenti al lavoro e il 70% delle persone sperimenta una "sindrome da impostore" a un certo punto della propria carriera. Il terrore immotivato? Essere ritenuti un bluff.

Secondo Peter Ryding, i sintomi sono di questa sindrome sono i seguenti:

essere maniaci del lavoro, lavorare più ore di tutti gli altri, non prendersi del tempo libero, senza rilassarsi mai;
essere perfezionisti, mai soddisfatti di nulla che non sia perfetto, senza delegare mai;
pretendere di non chiedere mai aiuto, essere eccessivamente indipendenti senza lavorare mai pienamente con il proprio team;
pretendere di essere esperti, avere bisogno di sapere tutto senza poi riuscirci.

Mentre uomini e donne possono soffrire di questi sentimenti di inadeguatezza, gli studi dimostrano che le donne aspettano di soddisfare il 90% delle caratteristiche richieste per un nuovo lavoro prima di candidarsi, mentre gli uomini sono abbastanza propensi a candidarsi con il 60%.

La sindrome di impostore è correlata ad ansia, depressione e bassa autostima. 

Gli aspetti da considerare
Per aiutare chi soffre di sindrome da impostore, gli specialisti in ricerca e sviluppo e HR dovrebbero iniziare una discussione aperta e mettere in atto la formazione adeguata per affrontare questa mancanza di fiducia.

L'istruzione: gli studi suggeriscono che semplicemente scoprire la sindrome di impostore e sapere che anche gli altri la sentono, aiuta in modo significativo.
Formazione e coaching: cambiare convinzioni, attitudine verso il lavoro e motivazione interne.
Garantire che il management abbia la formazione e gli strumenti giusti in modo che i manager possano aiutare chi soffre di sindrome da impostore. Devono essere in grado di costruire relazioni e fiducia, sviluppare intelligenza emotiva e avere l'empatia e la comprensione per sapere come fornire feedback lavori. Queste sono capacità di gestione fondamentali che consentono ai dipendenti di essere più aperti e autentici e, a loro volta, guidano la produttività, la lealtà e la fidelizzazione.
Salute mentale: riconoscere le implicazioni sul benessere e incoraggiare una cultura di supporto e aperta.
Inclusività: la sindrome dell'impostore determina la necessità di una convalida esterna e la mancanza di inclusione può peggiorare questo atteggiamento. Un programma di inclusione forte fornisce la convalida per i gruppi sottorappresentati.
Politiche retributive: le politiche retributive e gli obiettivi da raggiungere per una promozione devono essere chiari. Per certi incarichi vengono premiate le prestazioni al di sopra delle aspettative e questo può creare la paura di non riuscire a raggiungere determinati obiettivi.
Attribuzione e riconoscimento del successo. Occorre avere chiaro all'interno delle organizzazioni che attribuire i risultati raggiunti a una singola persona o a un intero team ha ripercussioni diverse sull'attitudine individuale al lavoro.

ALTRI ARTICOLI di Management