Management

Business

Sei un leader?

Cinque domande sulla leadership e il suo ruolo nel management a George Kohlrieser, professore di leadership e comportamento organizzativo alla business school svizzera Imd, nonché autore, relatore e consulente con più di quarant’anni di esperienza come negoziatore di ostaggi
Print
Sei un leader?

Cosa caratterizza un buon leader?
Un buon leader è colui che è capace di creare una visione, che sa dove vuole arrivare ed è in grado di guidare anche gli altri membri dell’azienda verso la stessa meta. I leader sono essenzialmente persone autentiche e umili, curiose e creative, che si pongono sempre nuove domande col desiderio di imparare. La leadership può essere appresa: non ci sono prove che dimostrano che essa sia qualcosa di genetico ereditario». 

Perché tutti noi abbiamo bisogno di leader nella nostra vita?
Le persone hanno la necessità di contare su una guida che faccia sentire loro sicure, ed è per questo motivo che i leader diventano così potenti da ispirare e condurre le persone nella direzione giusta. Inoltre i leader sanno ascoltare i propri seguaci; si tratta perciò di un processo collettivo, nonostante la psiche umana sia fondamentalmente orientata a contare su autorità. Ciò non significa però che i leader debbano adottare un comportamento autoritario, ma instaurare fiducia nelle persone affinché diventino seguaci. 

Crede che la leadership orizzontale possa avere successo, nonostante non venga rispettata la forma tradizionale di gerarchia?
In vari casi il leader emerge a seguito di un processo psicologico che influenza le altre persone. Queste tendono ad avere bisogno di un leader per poter spingere l’energia nella giusta direzione. Per essere un leader con un’elevata capacità di performance, bisogna quindi canalizzare questa energia in modo che riesca a raggiungere la visione dell'impresa.

Crede che esistano dei leader negativi?
Assolutamente sì. Esistono molti leader distruttivi, come i narcisisti, ai quali interessa solo apparire come i più intelligenti. La principale differenza tra un leader distruttivo e un leader positivo è che il primo è focalizzato sul proprio ego, mentre il secondo è interessato principalmente a imparare sempre cose nuove. Esiste un pericoloso segnale che consente di riconoscere un leader distruttivo: la resistenza all’ascolto e il disinteresse a imparare. Invece i grandi leader sono e saranno sempre assetati di conoscenza, creatività e curiosità. 

Come riescono i leader a massimizzare il talento del proprio team?
In primo luogo simulando ciò che fanno i negoziatori di ostaggi: fare domande per capirne le motivazioni. Una volta identificati i talenti, un buon leader deve essere in grado di creare un clima di sicurezza all'interno deil proprio team, in modo tale che le persone si sentano libere di osare, fare ciò che normalmente non farebbero e dare libero sfogo alla propria creatività. I grandi leader fanno principalmente tre cose: ispirano, creano e cercano talenti, dando vita a team dall’alto rendimento e guidando l’inevitabile cambiamento.


ALTRI ARTICOLI di Management