Management

Business

Come gestire un collaboratore con disturbi di ansia

Consigli per un manager per capire il problema senza emarginare le persone
Print
Come gestire un collaboratore con disturbi di ansia

Lo stress è una componente della vita con cui tutti, prima o poi, abbiamo a che fare. Nel mondo del lavoro lo stress si può manifestare nella gestione quotidiana dei propri compiti, nel rapporto con colleghi e superiori e, inevitabilmente, nell'avanzamento di carriera. Prima o poi, in particolare a ridosso di scadenze, è assolutamente normale cadere preda di stress e ansia.

Qui parliamo però di un problema che può compromettere seriamente la qualità del lavoro. Negli Stati Uniti è stato calcolato che i disturbi legati all'ansia colpiscono 40 milioni di americani dai 18 anni in su. L'intensità di questo disturbo può variare, ma nel 28% dei casi ci troviamo di fronte a forme gravi.

Se sei un manager, come dovresti gestire una persona con problemi di ansia se fa parte del tuo team? Ecco 4 consigli:

  1. Approfondisci il problema. Se hai scoperto che una persona del tuo team soffre di disturbi di ansia prenditi del tempo per fare alcune ricerche, partendo dai sintomi evidenti. Prova a chiederti quanto sia grave il disturbo, in quali situazioni e come si manifesta. Si tratta di un esercizio utile anche per valutare i limiti delle persone del tuo team e scoprire allo stesso tempo i loro punti di forza.
  2. Supera i pregiudizi e lo stigma sociale. Se è vero che i disturbi fisici sono più evidenti e se ne parla più spesso, quelli mentali non dovrebbero causare vergogna. Occorre capire che siamo di fronte a un disturbo pscicologico che può essere invalidante, essere aperti al dialogo con chi ne soffre, senza emarginarlo, trovando insieme una soluzione per non compromettere il lavoro.
  3. Acquisisci una maggiore consapevolezza e comportati di conseguenza: se devi assegnare un compito che può generare un attacco di ansia in un collaboratore, scegli un'altra persona e individua invece insieme alla persona con questo disturbo una situazione o una mansione che possano renderla serena.
  4. Incoraggiare. Non si tratta di fare pressione sulle persone che soffrono di questi disturbi per forzarle a superare le proprie paure o blocchi, ma di valutare insieme a loro fino a che punto si possano spingere. Avere un manager attento al loro benessere può dare un incredibile supporto per acquisire maggiore consapevolezza e fiducia in se stessi. Con questo approccio propositivo e pronto ad accogliere nuove sfide il rapporto tra manager e collaboratore diventa più trasparente e improntato su fiducia reciproca.

ALTRI ARTICOLI di Management