Management

Business

7 consigli per gestire un collaboratore negativo

Un manager dovrebbe essere preparato a intervenire quando un collega affossa il morale di un team
Print
7 consigli per gestire un collaboratore negativo

Le persone che si lamentano costantemente sul luogo di lavoro alimentano un clima tossico che ha un impatto notevole sulla performance e la motivazione. Un collega che sminuisce costantemente il lavoro degli altri, ha un linguaggio non consono all’ambiente di lavoro e non perde occasione per parlare male del lavoro che sta svolgendo e che stanno svolgendo gli altri costituisce un serio problema. Spesso gli stessi colleghi sono impreparati a gestire un profilo del genere e allora l’intervento di un manager può essere determinante. 

In questo articolo Susan M. Heathfield indica alcune possibili strategie ad uso e consumo dei manager nel caso in cui la negatività arrivi direttamente da un singolo individuo.

  1. Informare il dipendente del suo impatto negativo: utilizzare esempi specifici che descrivono i comportamenti che il dipendente ha avuto nell’ambiente di lavoro. Anziché utilizzare in modo produttivo il tempo di lavoro, questa persona si lamenta e fa in modo che gli altri la evitino, così da rallentare lo svolgere del lavoro quotidiano.
  2. Non stare sulla difensiva e non prendere ciò il lavoratore negativo fa o dice a livello personale. Può avere problemi personali o professionali. A nessuno piace ricevere un feedback negativo che serva per migliorare la propria performance, dunque anche se “attacca” non reagire. La maggior parte dei manager non ha avuto una formazione adeguata per gestire persone difficili, dunque è opportuno integrare la propria formazione con questa skill.
  3. Chiedere al lavoratore se qualcosa di negativo stia succedendo nella sua vita privata. Ad esempio, un divorzio o la perdita di una persona cara hanno ripercussioni su ogni aspetto della vita del dipendente. I manager non sono psicologi ma sapere queste cose permette di mostrare comprensione ed empatia. Anche in questo caso si dovrebbe chiedere alla persona di tenere separati i problemi personali dal contesto lavorativo.
  4. Chiedere il motivo preciso che causa negatività sul luogo di lavoro. Molto spesso i collaboratori di un manager esprimono commenti negativi perché non si sentono adeguatamente ascoltati.
  5. Focalizzarsi su soluzioni creative e su come questa persona possa creare situazioni positive per se stessa e per il team in cui lavora. Se non funziona, si può valutare un richiamo disciplinare.
  6. Focalizzarsi sugli aspetti positivi della sua performance. Per quanto possibile, occorre aiutare questa persona a costruire un’immagine di sé positiva. Bisognerebbe parlare di quanto ha fatto di buono in passato e quanto i colleghi e il management abbiano apprezzato la sua performance.
  7. Cercare di fare complimenti al collaboratore negativo e ogni volta in cui si percepisce un contributo positivo e utile al lavoro cercare di sottolinearlo adeguatamente.

ALTRI ARTICOLI di Management