Management

Carriera

12 caratteristiche di chi è capace di ricominciare

I punti di forza dei restartable
Print
12 caratteristiche di chi è capace di ricominciare

I restartable sono persone capaci di ricominciare. Alcuni ricominceranno molte volte, altri poche, ma loro sono pronti. Se cercate di identificarli o volete emularli, ecco i marker inequivocabili che li contraddistinguono.

1) Sanno che il mondo accelera e che cercare di fermarlo è inutile. I restartable sono persone pragmatiche che sanno adeguarsi all’ambiente. Non perdono tempo a rimpiangere tempi più tranquilli e statici.

2) Si automotivano. I restartable non si aspettano che siano gli altri a motivarli a ricominciare. La motivazione la trovano da soli e ne gestiscono le inevitabili oscillazioni.

3) Sono aperti al nuovo. I restartable non giudicano e, sospendendo il giudizio, si concedono il tempo di comprendere prima di formarsi un’opinione. Usano frequentemente dire: “Perché no?”; “Dimmi di più”; “Aiutami a capire perché”.

4) Sono attenti al contesto. Quando si ricomincia, la prima cosa da fare è capire le regole (scritte, ma soprattutto implicite), le competenze chiave e i valori del nuovo contesto. I restartable sono molto abili nell’orientarsi in una nuova situazione perché prestano attenzione alle dinamiche sottese e riescono a “leggere” il contesto che li circonda.

5) Apprendono senza ansia. Se non sanno fare qualcosa, i restartable non si spaventano, non si sentono inadeguati, non hanno paura di fare brutta figura o di non apparire all’altezza. Se ci impiegano un po’ ad apprendere, non si fanno prendere dal panico. Si rimboccano le maniche, si danno obiettivi realistici (vedi punto 7) e si fanno aiutare (vedi punto 8).

6) Apprendono da tutti. I restartable mostrano rispetto per tutte le persone con le quali hanno a che fare e, quando stanno imparando qualcosa di nuovo, sono capaci di apprendere da chiunque con naturalezza: sanno che quando si impara, l’unica gerarchia è quella della conoscenza (riferita alla specifica competenza che si sta acquisendo).

7) Non hanno aspettative irrealistiche. L’ambizione è utile, ma se è esagerata lascia perennemente insoddisfatti. I restartable sanno che non si passa da principianti a esperti in un attimo. Le loro aspettative realistiche li aiutano a darsi obiettivi raggiungibili e a sopportare qualche inevitabile frustrazione iniziale.

8) Sanno chiedere aiuto. I restartable sono capaci di farsi aiutare perché sanno come chiedere (in modo chiaro e con gentilezza) e cosa chiedere. Sanno che farsi aiutare è come ballare un valzer: bisogna essere in due ed essere affiatati. Quando vengono aiutati esprimono sincera gratitudine e cercano di ricambiare insegnando agli altri qualcosa che sanno.

9) Sono umili e orgogliosi. I restartable sono umili perché hanno consapevolezza del fatto che quando si ricomincia si diventa principianti, indipendentemente da età e status sociale. Allo stesso tempo hanno una buona autostima, sono orgogliosi di quello che hanno appreso in precedenza e desiderano metterlo a disposizione.

10) Hanno il loro gruppo di supporto. I restartable possono contare su un gruppo di “tifosi” che li sostiene, perché i nuovi inizi sono faticosi e anche le piccole vittorie vanno celebrate. La motivazione intrinseca e la capacità di darsi la carica da soli sono fondamentali, ma avere dei supporter è di grande aiuto.

11) Sono esploratori. I restartable sanno che per ricominciare bisogna conoscere il mondo e che questo avviene ampliando gli orizzonti; perciò si trovano a loro agio ovunque e con persone di tutti i tipi, senza distinzione di età, genere, estrazione sociale, religione ed etnia.

12) Sono ottimisti. I restartable sono persone positive e ottimiste, che vedono opportunità dove gli altri vedono problemi. Qualcuno di loro è così per natura, molti lo sono diventati con l’allenamento.

LEGGI ANCHE: CAREER FITNESS, il percorso pensato da Manageritalia per dare ai manager – attraverso XLabor e alcune delle migliori società e professionisti di consulenza e transizione di carriera e coaching – tutto quanto oggi indispensabile per gestire attivamente il proprio sviluppo professionale e la propria carriera in un mondo del lavoro sempre più mutevole, dinamico e sfidante.


Testo tratto da Il magico potere di ricominciare, Odile Robotti, Mind Edizioni. 

ALTRI ARTICOLI di Management