Management

Carriera

Se vuoi essere un bravo manager, smettila di sembrare perfetto

Nascondere difetti e limiti allontana le persone che hanno bisogno del nostro supporto
Print
Se vuoi essere un bravo manager, smettila di sembrare perfetto

Secondo una recente ricerca condotta da Lauren C. Howe, docente di psicologia presso la Stanford University, spesso le persone che svolgono professioni di assistenza medica o occupano posizioni manageriali all'interno di aziende ritengono erroneamente che trasmettere un'immagine personale "vincente" e senza difetti sia il modo migliore per ricoprire il loro ruolo di esperti. Nulla di più sbagliato.

Durante lo studio è stato chiesto in particolare a un gruppo di pazienti con un peso nella norma e in sovrappeso di esprimere un giudizio sui profili di diversi medici, alcuni dei quali dichiaravano di praticare regolarmente attività sportive osservando una dieta rigorosamente sana. I pazienti in sovrappeso erano più inclini a pensare che questi dottori avrebbero disapprovato il loro stile di vita e sarebbero stati meno inclini a seguirli. 

La ricerca suggerisce che la paura di essere giudicati da chi mostra in maniera sfacciata di possedere competenze e qualità superiori agli altri crea automaticamente una grande distanza e che un bravo leader, come si spiega anche in questo articolo, dovrebbe ispirare gli altri cercando di scendere dal piedistallo. 

La dottoresa Howe suggerisce a tutti coloro che devono occuparsi degli altri o devono gestire in contesti professionali team di collaboratori di praticare l'understatement e di avere il coraggio di confessare difetti e errori. In sostanza, di apparire essere umani, con tutti i nostri limiti. Facile a dirsi, spesso siamo poco inclini a mostrarci vulnerabili. 

ALTRI ARTICOLI di Management