Management

Formazione

Cfmt visto dai suoi partner

Quali sono le unicità del Centro di formazione voluto e pensato insieme a Confcommercio 25 anni fa e quale valore aggiunto può davvero dare nello sviluppo del management e della managerialità? Lo abbiamo chiesto ad alcuni docenti universitari e formatori, partner di lunga data di Cfmt
Print
Cfmt visto dai suoi partner

QUALI SONO LE UNICITÀ DI CFMT COME COMMUNITY VOLTA ALLO SVILUPPO DEL MANAGEMENT E DELLA MANAGERIALITÀ?

Bruno Busacca «Cfmt presenta una formula imprenditoriale unica, che fa leva su una community di alto profilo e su un network relazionale ampio e profondo. La combinazione di questi asset rappresenta un punto di riferimento fondamentale per il management, sempre più al centro delle pressioni derivanti dall’incremento della complessità e dalla sfida del long life learning».

Valeria Cantoni «Cfmt è un contesto comunitario protetto in cui i manager possono sperimentare approcci, metodi e percorsi di apprendimento innovativi, scambiando esperienze e visioni con altri manager di altre aziende. In questo senso l’esposizione alla diversità genera sviluppo».

Vittorio D’Amato «Cfmt consente ai manager del terziario di conoscere sempre meglio se stessi, di rimanere costantemente aggiornati, di conoscere i principali trend del settore contribuendo alla competitività delle imprese e della loro employability».

Gian Piero Scilio «Il ruolo “super partes” che Cfmt ha sempre sapientemente saputo interpretare in questi 25 anni lo ha reso un interlocutore unico per indipendenza, qualità dei contenuti e degli approcci offerti, innovazione delle scelte fatte».

Luciano Ziarelli «Cfmt è un club riservato: è per molti ma non per tutti. La prima e unica scuola di formazione destinata a un target perfettamente identificato e consapevole del privilegio dell’appartenenza. Logico che tali caratteristiche enfatizzino il concetto di comunità».

COSA VI HA DATO LAVORARE CON CFMT IN QUESTI ANNI? 

B.B. «Il progetto Starting è di fatto nato con Cfmt. Lavorare in questi anni alla continua evoluzione di un progetto così sfidante ha rappresentato un’opportunità unica per accrescere il capitale intellettuale e relazionale, rafforzando conoscenza, immaginazione ed entrando in una comunità aperta e collaborativa, orientata alla sperimentazione e all’apprendimento continuo».

V.C. «Dieci anni di collaborazione con Cfmt significa crescere insieme. E insieme abbiamo rotto alcuni tabù della formazione manageriale, portando la cultura alta e le arti in mezzo alle dinamiche e alle istanze aziendali come dispositivo di sviluppo. La possibilità di avere un impatto positivo nella trasformazione degli stili di leadership è stata fonte di grande motivazione nella collaborazione tra ArtsFor e Cfmt».

V.D. «Il vero valore di Cfmt è quello di essere stato un partner sempre pronto a considerare e a sviluppare progetti sfidanti in grado di aumentare la professionalità dei manager e la competitività delle aziende e del paese Italia».

G.P.S. «È stata l’occasione per progettare e realizzare iniziative di miglioramento della managerialità con un altissimo valore etico e di innovazione. Quando li abbiamo realizzati non era di moda la parola sostenibilità, ma ripensandoci ora si può proprio dire che molti sono stati, e continuano ad essere, progetti con una forte impronta di sostenibilità».

L.Z. «La conoscenza e frequentazione di manager di aziende diverse e di diversi segmenti di mercato, responsabili delle diverse aree organizzative, non poteva che arricchire notevolmente di umanità e professionalità i docenti chiamati a interagire con questo vero e proprio patrimonio nazionale di intelligenze e di esperienze».

QUALE VALORE AGGIUNTO PUÒ DARE CFMT NELLO SVILUPPO DEL MANAGEMENT E DELLA MANAGERIALITÀ? 

B.B. «Il valore aggiunto di Cfmt alla crescita della cultura manageriale non sta solo nella varietà di competenze che si possono sviluppare mediante la partecipazione a progetti di ricerca e attività formative, ma anche nel contributo al “sense making” dell’attività lavorativa, che nell’economia della conoscenza e dell’immaterialità rappresenta la vera fonte motivazionale per le persone».

V.C. «Una comunità che si fonda sul desiderio di apprendere, migliorare e mettersi in discussione della classe dirigente è una forza motrice potente nel processo di trasformazione delle organizzazioni e dunque del Paese. Cfmt è il contenitore che può riposizionare i manager da buoni capi a guide che accompagnano il Paese verso una maggiore sostenibilità sociale, ambientale, economica, relazionale e immaginativa».

V.D. «Cfmt consente ai manager del terziario di rimanere costantemente preparati e aggiornati, oltre a sviluppare un network fondamentale di relazioni».

G.P.S. «Lo sguardo alto e indipendente che Cfmt può offrire al proprio ecosistema lo rende un interlocutore capace di segnare la “rotta” da seguire in tempi così incerti. Diversità di punti di vista, capacità di fare connessioni e di proporre sintesi intelligenti costituiscono un regalo prezioso ai propri associati».

L.Z. «Una scuola trasferisce contenuti e valori. Cfmt da sempre favorisce relazioni. Tra docenti e partecipanti e, con una visione recentemente ancora più innovata, anche tra dirigenti e la “meglio gioventù” che si affaccia al mondo del lavoro. Un generosissimo valore aggiunto al sistema Paese».

Bruno Busacca, professore ordinario di Economia e Gestione delle imprese, Università Luigi Bocconi.


Valeria Cantoni, presidente ArtsFor e ideatrice di Leading by Heart.


Vittorio D’Amato, direttore divisione master, Liuc-Business School.


Gian Piero Scilio, partner Mida.


Luciano Ziarellifacilitatore emozionale.


ALTRI ARTICOLI di Management