Lavoro

Occupazione

Una formazione a T per i professionisti digital di domani

Cresce la domanda di competenze legate al mondo ICT e con essa le posizioni di lavoro che vengono pubblicate quotidianamente sul web
Print
Una formazione a T per i professionisti digital di domani

Secondo quanto evidenziato anche dall’ultimo Osservatorio delle competenze digitali, a cura tra gli altri di Assinform, solo nel 2019 sono state circa 106.000 le job vacancy che avevano come oggetto delle posizioni inerenti al settore ICT. Si tratta di un volume di annunci la cui crescita si mantiene costante ormai da quattro anni.

Non dovrebbe quindi sorprendere come, malgrado il momento difficile che l’economia e più in generale l’occupazione stanno vivendo, le ricerche di personale con una preparazione legata al settore delle nuove tecnologie siano oggi sempre più frequenti. La motivazione risiede fondamentalmente nella progressiva digitalizzazione dei processi aziendali che porta all’applicazione di metodi e processi IT sempre più complessi da sviluppare. Il digitale quindi sta diventando un elemento imprescindibile per lo sviluppo economico, tanto da valere oggi il 20% nei servizi e il 17% nell’industria.

Se da un lato quindi la richiesta di figure professionali sempre più specializzate nel comparto ICT e digital è sempre maggiore, dall’altra parte ci si scontra con un’incapacità di soddisfare pienamente la richiesta del mercato del lavoro. Dai dati emersi dell’Osservatorio infatti emerge la previsione di come entro il triennio 2019-2020-2021 mancheranno all’appello delle aziende circa 28.000 persone con competenze legate alle nuove tecnologie.

LA NASCITA DI FIGURE NUOVE
“Il tema importante da sottolineare non è solo la carenza di figure altamente specializzate capaci di rispondere alle richieste attuali del mercato, quanto la nascita continua di figure nuove nel comparto digital che nei prossimi mesi e anni saranno sempre più ricercate dalle aziende” - spiega Gherardo Liguori, Ceo e cofounder di start2impact, una startup innovativa a vocazione sociale che fornisce, attraverso un'unica piattaforma web, formazione teorica, pratica e offerte di lavoro per fare carriera nell’innovazione.

Quali sono le figure oggi più richieste nel digital? In termini assoluti, gli sviluppatori continuano ad essere le figure in assoluto più richieste oggi, con oltre 49.000 posizioni di lavoro delle 106.000 analizzate dall’Osservatorio. Allo stesso tempo si assiste alla crescente domande di nuove competenze tecniche legate soprattutto al settore dei big data, dell'intelligenza artificiale e della blockchain.

“Prevediamo una sempre maggiore richiesta di figure quali Data Scientist e Blockchain Developer. Figure nuove e di frontiera che plasmeranno sempre più il futuro mercato del lavoro e di conseguenza le competenze sempre più ricercate dalle aziende” - continua Liguori.

È importante però sottolineare come nei profili ricercati oggi nel settore ICT, ma non solo, si voglia puntare su un mix equilibrato che vede da un lato competenze tecniche molto specifiche e dall’altro la presenza di soft skill trasversali capaci di rendere un profilo a prima vista essenzialmente operativo in uno più strategico alla crescita e sviluppo del business e dei processi aziendali.

LA FORMAZIONE A T
“Secondo noi infatti il futuro verte su una formazione a T, verticale su un settore, ma anche con una visione a 360° su più comparti d’azione dell’attività interna di un’azienda. Senza dimenticare quelle soft skill che creano il cosiddetto mindset, quell’attitudine e sensibilità, anche verso la comunità e l’ambiente che permetteranno ai professionisti del digital di sviluppare nuove soluzioni e poter creare un impatto non solo economico, ma soprattutto sociale contribuendo a risolvere le grandi sfide della nostra epoca” conclude Liguori.

ALTRI ARTICOLI di Lavoro