Lavoro

Occupazione

8 posti dove trovare un mentore per la vostra carriera (fuori dall'ufficio)

Print
8 posti dove trovare un mentore per la vostra carriera (fuori dall'ufficio)

Avere una guida è fondamentale per la propria carriera. Non solo un mentore offre un supporto, sostiene l’esperta di carriera e lavoro presso Monster Vicki Salemi, è in grado di ascoltarvi e capire le vostre esigenze, ma offre incoraggiamento e supporto indirizzandovi verso opportunità professionali che altrimenti non avreste mai considerato.

Ma dove si trova un mentore? I mentori sono ovunque, spiega Jill Jacinto, millennial career expert e direttore della comunicazione di WORKS. Gli esperti suggeriscono di guardare oltre al vostro ufficio, in altri semplici 8 luoghi.

  1. Il vostro ultimo luogo di lavoro. La persona con più esperienza, ad esempio un manager, dovrebbe avere piacere a guidarvi anche dopo che abbiate lasciato la vostra azienda. Se avete avuto un buon rapporto con il vostro capo precedente – quello che vi indicava le aree di miglioramento perché voleva farvi raggiungere i risultati – potrebbe essere un eccellente mentore, spiega Salemi. Semplicemente chiedete al vostro vecchio capo di essere il vostro mentore dicendogli che avete apprezzato il suo stile di leadership quando avete lavorato per lui o lei e sperate che continui nella guida del vostro percorso di carriera.
  2. Nella vostra cerchia sociale. Un amico che lavora sodo ed è focalizzato sul lavoro può avere informazioni di valore in grado di far decollare la vostra carriera. Anziché incontrarlo nel tempo libero per chiacchierare del più e del meno, utilizzate questo momento come una sessione di mentoring. Cercate di cogliere gli aspetti più importanti che orientano le sue scelte professionali e chiedetegli espressamente la sua guida. Il vostro amico molto probabilmente vuole aiutarvi e darvi dei consigli ma non lo farà se non chiedete la sua opinione.
  3. Tra i vostri contatti di Istagram. LinkedIn è il social network più ovvio dove cercare potenziali mentori. Ma Karen Elizaga, executive coach e autore di Find Your Sweet Spot, suggerisce di passare al setaccio anche Facebook, Instagram, Twitter per trovare persone nel vostro settore che stimate. “Cercare nei social media ingrandirà il vostro network oltre la vostra cerchia di amici e conoscenti abituale”, dice. “Guardate post e foto per osservare come si muovono nel mondo del lavoro, di cosa si occupano e i loro traguardi professionali” e mettetevi in contatto con loro.
  4. A un evento di settore. Secondo Salemi, “dovreste tenere gli occhi aperti agli eventi e incontri per le persone con cui potreste entrare subito in contatto. Ammettiamo che vi sentiate in sintonia con la filosofia di business di uno degli speaker. Salemi vi incoraggia ad avvicinarvi a lui dopo la chiusura invitandolo per un follow-up davanti a una tazza di caffè. “Se c’è intesa professionale questa persona potrebbe diventare il vostro prossimo mentore”.
  5. Sul web. “Potrebbe apparire strano” avverte Jacinto, “ma non avete bisogno necessariamente di interagire con il vostro mentore perché vi dia ispirazione”. Va bene leggere il profilo del vostro imprenditore preferito o prendere la biografia del pezzo grosso del vostro settore per darvi un’idea per la carriera di cui avete bisogno per avere più interesse. Potete sempre migliorare imparando dalle persone che ammirate, famose o non”, spiega Jacinto.
  6. Al bar sottocasa Si incrociano quotidianamente decine di persone che potrebbero essere eccellenti mentori per la vostra carriera, sia nella vostra spiaggia sia al bar sia a una festa. Se un’opportunità si presenta nel bar sottocasa non siate timidi. “Se avete una conversazione importante e trovate che ci sia un simile percorso di carriera che vi intriga, coltivate questa relazione facendo domande e condividendo il vostro background”, dice. “Ho visto nascere queste relazioni in modo casuale davanti a un drink e sul bordo di una piscina d’hotel molte volte”.
  7. Nella vostra Associazione ex alunni. “L’ufficio carriera e lavoro della vostra alma mater è una potenziale risorsa non sfruttata per la ricerca di lavoro, fare network e trovare mentori”, dice Salemi. Anche meglio. Alcune scuole offrono programmi di mentoring per alunni, svolgendo un lavoro di ricerca per ciò che è giusto per voi. Qualcuno che è dedicato a quello o quella alma mater sarà probabilmente meglio disposto a leggere la vostra email iniziale quando vedrà il nome della scuola nell’oggetto, dice Salemi. Potreste scrivere qualcosa del tipo “Ho notato che siete impiegati nell’ufficio carriera e sono un professionista con esperienza. Mi piacerebbe farvi una telefonata per conoscere il vostro punto di vista sul settore”.
  8. Nell’ufficio stagisti. Chiedere consigli di carriera a qualcuno che è all’inizio del proprio percorso professionale potrebbe apparire inopportuno. “Ma quello stagista sta entrando nel vostro settore professionale con un bagaglio di conoscenze informatiche, competenze sui social media ed energia. In più può darvi dritte su quello che interessa i più giovani, insegnandovi ad esempio come utilizzare Snapchat, darvi consigli sulle app che dovreste avere sul vostro telefono e così via.

ALTRI ARTICOLI di Lavoro