Lavoro

Welfare

Il rumore in ufficio distrugge la produttività

Inquinamento acustico: gli open space sono sempre più diffusi, ma il prezzo da pagare per questi ambienti condivisi sembra molto alto
Print
Il rumore in ufficio distrugge la produttività

Meglio un ufficio tutto per sé o un ambiente condiviso con altre persone? Ci sono i pro e i contro, ma quando si parla di rumore e di distrazioni l’open office, che oggi secondo una stima è impiegato nel 70% delle aziende in tutto il mondo, appare come la soluzione peggiore

Già, sembra proprio che il prezzo da pagare per questi ambienti concepiti per condividere e comunicare meglio sia molto alto, soprattutto se non c’è una progettazione adeguata che garantisca almeno un minimo di isolamento acustico.

È stato calcolato che un lavoratore diminuisce la sua produttività del 66% quando è esposto alla conversazione di un suo collega. Anche il multitasking appare più difficoltoso a causa del rumore in ufficio e il livello di stress può schizzare alle stelle. Inoltre, quando il rumore ci raggiunge assumiamo spesso una posizione ergonomia scorretta, cercando di proteggerci.

Preoccupanti, infine, i risultati di uno studio condotto presso l’Occupational Health Nursing Program dell’University of Michigan, secondo il quale il rumore costante negli ambienti di lavoro provoca un’aumento della pressione arteriosa e del battito cardiaco, fino a causare seri problemi cardiovascolari. 

L'inquinamento acustico a detta dell'Organizzazione mondiale della sanità è oggi un problema diffuso a livello globale e compito di manager e responsabili HR potrebbe proprio essere quello di limitarne le conseguenze sul luogo di lavoro. 

ALTRI ARTICOLI di Lavoro