Lavoro

Occupazione

Come essere produttivi quando si lavora da casa?

In questo periodo le aziende ripensano all’organizzazione del lavoro dei propri collaboratori. Portare avanti i progetti e far “funzionare” un team da remoto diventa un must. In che modo? Con il mindset giusto, gli strumenti tecnologici e nuove regole
Print
Come essere produttivi quando si lavora da casa?

La sfida principale del lavoro da casa è quella di evitare distrazioni. Tutto ruota attorno al time management e alle modalità per favorire la produttività. Non basta riorganizzare il proprio lavoro, è fondamentale ripensarlo in una dimensione “domestica”. Non è affatto semplice, soprattutto se non siamo abituati a farlo.

Ecco qui di seguito 8 consigli pratici.

1) HOME OFFICE
Dobbiamo ricreare un ufficio attrezzato tecnologicamente. Una connessione internet veloce, un pc performante, auricolari che tolgono il rumore e tutti i device aggiornati ci permettono di ottimizzare il nostro tempo ed evitare problemi di comunicazione. L’home office dovrebbe trovarsi in un angolo tranquillo e, dicono gli esperti, ben illuminato.

2) TO-DO LIST
Imporsi una to-do list giornaliera è cruciale. I compiti, vale sempre la pena ricordarlo, dovrebbero essere sempre specifici, misurabili e realizzabili.

3) REGOLE!
Occorre impostare delle regole, con se stessi, il proprio team e con chi siamo a stretto contatto, come la nostra famiglia o il/la nostro/a partner.

4) TRACCIARE IL TEMPO DI LAVORO (NOSTRO E DEL TEAM) 
È molto utile quantificare le ore di lavoro, per capire quali progetti richiedano più tempo e quali meno. Esistono app che permettono di tracciare il tempo di lavoro del proprio team, come Toggl

LEGGI ANCHE: PRODUTTIVITÀ E BENESSERE - L'INIZIATIVA DI MANAGERITALIA

5) UN CALENDARIO CON SCADENZE E APPUNTAMENTI
Avere un quadro generale degli impegni sul breve, medio e lungo termine, non solo degli appuntamenti ma anche delle scadenze, dovrebbe essere un altro obiettivo del nostro time management. Calendari elettronici e condivisibili con il team - Microsoft Outlook, WorkTime per iOS o My Work Schedule per Android, oppure il semplice calendario del nostro smartphone – sono tool efficaci. Evernote permette di tenere idee, appunti, immagini e memo in un unico spazio.

6) UTILIZZARE BROWSER DIVERSI: UNO PER IL LAVORO E UNO PER TUTTO IL RESTO
L’utilizzo di due browser diversi ci permette di tenere separate la dimensione professionale da quella personale quando si parla di navigazione. Il browser personale potrà mantenere tab, bookmark, notifiche e messaggi, siti preferiti ecc., quello di lavoro sarà totalmente dedicato alla nostra attività.

7) EMAIL 
Controllare le email è fondamentale, soprattutto se si tratta del principale strumento di comunicazione con i nostri colleghi, tuttavia aprire costantemente la nostra mailbox rappresenta un ostacolo per i nostri progetti e interrompe il flusso del nostro lavoro. Può essere utile chiudere direttamente Outlook e le sue notifiche. Un’altra opzione? Tenere separate le caselle con i messaggi personali da quelli professionali facendo uno sforzo per leggere e rispondere ai messaggi con ordine.

8) SOLUZIONI... DRASTICHE: I PROGRAMMI CHE BLOCCANO IL WEB
Se non riusciamo a resistere alla navigazione sul web e al controllo dei social, esistono estensioni e programmi in grado di bloccare internet permettendoci di lavorare senza distrazioni. Un esempio? LeechBlock, estensione che permette di impedire l'accesso a determinati siti che ci fanno perdere tempo durante specifiche fasce orarie. È possibile impostare anche delle “finestre” (5 minuti di Facebook ogni 45 di lavoro). Altri programmi utili possono essere FocusMe o Freedom.

LEGGI ANCHE: COME GESTIRE E GUIDARE UN TEAM DA REMOTO

VIA Moneycrashers - BusinessInsider 



ALTRI ARTICOLI di Lavoro