Lavoro

Welfare

Bando #Conciliamo per finanziare progetti di welfare

74 milioni di euro per finanziare piani di welfare aziendale
Print
Bando #Conciliamo per finanziare progetti di welfare

Il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha promosso il bando #CONCILIAMO, che mette a disposizione 74 milioni di euro per finanziare piani di welfare aziendale.

In particolare, l’avviso finanzia la realizzazione di progetti di welfare aziendale a supporto di:
• crescita della natalità;
• incremento dell’occupazione femminile;
• contrasto all’abbandono degli anziani;
• supporto alle famiglie con disabili;
• riequilibrio tra i carichi di cura tra uomini e donne;
• tutela della salute.

Si tratta di un bando molto ricco, che permette a ciascuna azienda beneficiaria di finanziare progetti da un minimo di 500.000 € a un massimo di fino a 1.5 mln/€.
Possono partecipare al bando imprese, società cooperative e soggetti collettivi con almeno 50 lavoratori a tempo indeterminato.

Ecco alcuni esempi di azioni finanziabili:
• banca del tempo, lavoro da remoto, agevolazione del part time, permessi e congedi aggiuntivi;
• contributi economici per favorire la natalità e la maternità, iniziative formative per assenze di lungo periodo;
• creazione (o ampliamento) di asili nido o scuole dell’infanzia; contributi economici o rimborsi per servizi di baby-sitting, prodotti per l’infanzia, la frequenza di asili nido o scuole per l’infanzia, primarie e secondarie, centri estivi e ricreativi o doposcuola, spese di istruzione (libri di testo, viaggi studio, Università, Master, Scuole di specializzazione), trasporto scolastico;
• contributi economici o rimborso per centri diurni o residenze per familiari anziani, disabili o malati gravi, infermieri a domicilio;
• assegni annuali per figli di dipendenti affetti da gravi patologie;
• forme aggiuntive di assistenza sanitaria o rimborsi per le spese mediche dei dipendenti e delle loro famiglie, attivazione di un ambulatorio medico o pediatrico o convenzioni con studi dentistici o supporto psicologico;
• servizi di assistenza al disbrigo di pratiche amministrative o altro, maggiordomo aziendale, meccanico aziendale, lavanderia/stireria aziendale, consegna farmaci, spesa, pacchi, supermercato aziendale;
• servizi di trasporto aziendale;
• frequenza di corsi di lingua, di corretta alimentazione, acquisto di polizze sanitarie, ticket restaurant aggiuntivi, buoni benzina, rimborso mezzi pubblici, buoni spesa, prestito agevolato, micro-credito e garanzie per i mutui;

Guardando la lista, è chiaro come il welfare aziendale sfumi verso la corporate social responsibility.

Per il nostro welfare vi potete avvalere anche delle iniziative di Manageritalia con Produttività & Benessere

ALTRI ARTICOLI di Lavoro