Economia

Innovazione

Servizi: generatori di valore altrui

Le analisi dell’Osservatorio del Terziario di Manageritalia evidenziano la spinta economica del settore dei servizi nel generare attività in altri settori
  • Data 06 lug 2021
  • Tempo di lettura
    5 min
Print
Servizi: generatori di valore altrui

È una diatriba vecchia come il mondo: chi genera più valore tra i comparti economici? Nell’economia odierna, che ha da tempo perso i rigidi confini intersettoriali e dove i vari comparti sono sempre più sinergici e interrelati, vale la pena analizzare quest’aspetto per sfatare stereotipi e luoghi comuni e ripartire da un concetto di interrelazione che sviluppi la creazione di valore.

Il lancio dell’Osservatorio del terziario Manageritalia ha aperto un ampio dibattito. Grande da più parti l’interesse per analisi spesso inedite e che danno vita a un dialogo a vari livelli per ripartire con un terziario sempre più in grado di giocare il suo ruolo determinante oggi e in futuro per ogni economia avanzata. Per questo riprendiamo di volta in volta alcuni dei punti chiave del rapporto e condividiamo analisi, riflessioni e traiettorie per crescere davvero e in tutti i sensi.

Vediamo oggi con il capitolo su Servizi e attività manifatturiere (capitolo 3) dell’analisi sviluppata in collaborazione con Oxford Economics quanto industria e servizi siano correlati in modo ben diverso da quello che si pensa comunemente. Il tutto in ottica non di competizione, ma di collaborazione, sinergia e contributo comune allo sviluppo e alla crescita del Pil e del valore aggiunto.

SERVIZI E ATTIVITÀ MANIFATTURIERE
Come sottolineato all'inizio del report, crediamo che sia fuorviante caratterizzare il settore dei servizi come "l'ultimo anello" di una catena di distribuzione le cui attività "centrali" (e in qualche modo più importanti) hanno origine nei settori che producono beni. L'idea che la forza del settore manifatturiero e di altri settori produttori di beni abbia generato il potere di spesa delle famiglie necessario per sostenere il settore dei servizi è una caratterizzazione incompleta. In questa sezione capovolgiamo questo ragionamento e mostriamo che i servizi sono vitali per un settore produttore di beni forte e in crescita.

"L'idea che l'attività del settore dei servizi sia una conseguenza di una forte base manifatturiera è fuorviante. In effetti, i servizi sono vitali per un settore produttivo di beni forte e in crescita".

Per farlo, facciamo riferimento alle tavole input-output, che mostrano i modelli di acquisti intersettoriali tra tutti i settori dell'economia. A causa della complessità di assemblare i dati necessari, queste serie di dati sono tipicamente aggiornate molto meno frequentemente di altri indicatori economici. Al fine di fornire confronti accurati tra i paesi, abbiamo scelto di utilizzare le tavole input-output dell'OCSE, poiché sono armonizzate in termini di definizioni settoriali e metodologia. La versione più recente di questo dataset è del 2015. Abbiamo anche esaminato lo stesso dataset dal 2005 per illustrare l’evoluzione decennale in Italia, Francia, Germania e Spagna.

La tecnica migliore per analizzare l'effetto intersettoriale, in termini economici, di un settore è quello di esaminare il moltiplicatore che la sua attività genera in altri settori dell'economia attraverso le catene di offerta. Un esempio nell'attività manifatturiera è il settore automobilistico, dove la produzione di automobili richiede input da settori come i prodotti metallici, la gomma, l'elettronica, ecc. (così come i servizi come il trasporto, il commercio all'ingrosso/al dettaglio, ecc. per spostare le merci ai consumatori finali). Un esempio nei servizi è la fornitura di servizi di alloggio e di ristorazione, che richiede la produzione di cibo, mobili, ecc. così come, in molti casi, la fornitura di attività artistiche e di intrattenimento.

Si pensa comunemente che la spinta economica del settore dei servizi nel contesto della generazione di attività in altri settori sia significativamente minore, ma i dati rivelano una realtà molto diversa, come mostrato nella Figura 19 nella pagina seguente.

Analizzando l'interdipendenza delle catene di offerta con le industrie produttrici di beni, si pensa comunemente che la spinta economica del settore dei servizi nel contesto della generazione di attività in altri settori sia bassa. In realtà: a) il settore dei servizi genera attività di altri settori poco inferiore a quella che le attività manifatturiere generano in altri settori (1,60€ rispetto a 1,94€), b) la maggior parte dei settori dei servizi sono in realtà al di sopra di questa media, con molti di loro (in particolare trasporto e magazzinaggio) molto vicini ai livelli del manifatturiero. La ragione di ciò è che diversi settori di servizi relativamente grandi, come l'amministrazione pubblica, l'istruzione e le attività immobiliari, hanno moltiplicatori alquanto bassi (abbassando di conseguenza la media 1,60€ dell’incidenza dei servizi ben al di sotto della mediana).


Un altro modo per esaminare la relazione tra manifattura e servizi è quello di esaminare l'importanza dei servizi come input nelle catene di offerta delle attività manifatturiere. Il primo risultato importante è che una parte sorprendentemente grande della produzione del settore dei servizi non viene acquistata dalle famiglie per il consumo, ma dalle imprese produttrici di beni come input diretto o indiretto ai loro processi produttivi.


Possiamo vedere dalla Figura 2 che il settore dei servizi italiano vende all’industria manifatturiera più di tutti i suoi principali colleghi dell'Eurozona. Parte di questo può essere, naturalmente, dovuto al fatto che il settore della produzione di beni in Italia è una quota relativamente grande dell'economia totale. Ma con questo approccio, ci aspetteremmo dalla Germania (la cui produzione di beni è ancora più grande in termini relativi) la performance migliore, ma non è così. Questa evidenza suggerisce che il settore dei servizi italiano è particolarmente ben adattato a soddisfare le esigenze dei produttori e delle imprese che operano nei settori delle costruzioni e delle utilities.

Una tendenza comune a tutti i paesi è un leggero calo della quota di servizi acquistati dai produttori nel decennio precedente al 2015. Ci sono diverse possibili spiegazioni per questo fenomeno, la più probabile delle quali è una diminuzione della propensione all’esternalizzazione per le operazioni aziendali (come le risorse umane, la contabilità e altri servizi aziendali). Se un'azienda porta tali attività all'interno dell'azienda, c'è una diminuzione nella necessità di acquistare da un’azienda esterna per eseguire tali servizi. Date le tensioni finanziarie avvertite in tutte le aziende sulla scia della crisi finanziaria globale del 2008-09 e la crisi del debito sovrano dell'Eurozona che è seguita poco dopo, è plausibile pensare che le aziende abbiano fatto proprio questo nel tentativo di contenere i costi.

Si potrebbe controbattere che il fatto che la manifattura acquisti circa il 16% della produzione totale di servizi non sia molto impressionante, data la loro quota nell'economia totale. Ma uno sguardo alla distribuzione all’interno dei servizi rivela una sorprendente eterogeneità settoriale ed evidenzia l'importanza di diversi settori chiave.

In Figura 3 è possibile notare come la produzione di un certo numero di settori dei servizi sia di importanza marginale per l'approvvigionamento nelle industrie manifatturiere. Alloggio/ristorazione, arte/intrattenimento, attività immobiliari, istruzione e amministrazione pubblica vendono meno del 5% dei loro servizi ai produttori di beni. La maggior parte di questi servizi sono venduti direttamente alle famiglie piuttosto che essere importanti input alla produzione.


"35%
La quota dei servizi di commercio all’ingrosso e al dettaglio venduto alle industrie produttrici, un collegamento vitale tra la produzione e la distribuzione".

Ma diversi settori di servizi sono di vitale importanza come input alle catene del valore dei produttori di beni. Il commercio all'ingrosso e al dettaglio vende quasi il 35% dei servizi ai produttori di beni perché agisce da tramite tra le merci che lasciano la fabbrica e il cliente finale.

Il trasporto e il magazzinaggio assicura che i beni prodotti raggiungano il grossista (o il cliente finale nel caso delle vendite dirette) in modo rapido ed efficiente. Più del 20% della produzione di questo settore è acquistato dai produttori di beni. Una delle ragioni per cui questa quota è inferiore a quella del commercio all'ingrosso e al dettaglio è che questa categoria aggrega tutte le forme di servizi di trasporto - compresi quelli relativi ai viaggi di passeggeri via aria, mare e terra (per i quali la domanda delle industrie produttrici di beni è relativamente bassa). Mentre le tavole input-output armonizzate non ci permettono di fare questa disaggregazione per i paesi dell'Eurozona, è comunque possibile inferire che ci sono segmenti del settore dei trasporti e del magazzinaggio che sono ancora più importanti per i produttori di quanto indicato nella Figura 21.

Un secondo elemento che convalida questa conclusione è che un altro cliente chiave del settore del trasporto e del magazzinaggio è il settore stesso del commercio all'ingrosso e al dettaglio, che acquista circa l'8% dei servizi prodotti. Tenendo conto di queste osservazioni ci rendiamo conto che la quota del 20% sottovaluta sostanzialmente l'importanza delle ampie reti di trasporto, logistica e distribuzione necessarie per spostare le merci sul mercato.

Le attività professionali (e in misura minore le attività finanziarie e assicurative) forniscono importanti servizi di supporto alla produzione. I servizi professionali come quelli legali, delle risorse umane, della contabilità, della pubblicità e molti altri sono parte integrante di un'impresa manifatturiera ben funzionante, e anche se c'è qualche evidenza di industrie che hanno integrato queste attività, la quota acquistata supera ancora la produzione interna.

"Con molti paesi che investono pesantemente in Industria 4.0, il settore dei servizi IT probabilmente assumerà un'importanza crescente per le industrie, ma l'Italia si sta muovendo nella direzione sbagliata".

Un'ultima tendenza - preoccupante - è legata ai servizi IT, che hanno visto un forte calo dell'intensità di acquisto da parte del settore manifatturiero nei dieci anni fino al 2015 (dal 22% al 12%). Mentre questa quota rimane un po' più alta che in Germania, Francia e Spagna, il forte calo suggerisce che l'integrazione dei servizi informatici come i data center, i sistemi di gestione delle risorse aziendali e altre tecnologie progettate per migliorare la produttività e l'efficienza dei produttori si sta muovendo nella direzione sbagliata. Con molti paesi (in particolare la Germania) che investono pesantemente in Industria 4.0 (che si basa su forti investimenti in processi di produzione data-driven) il settore dei servizi IT probabilmente assumerà un'importanza crescente per le industrie.

ALTRI ARTICOLI di Economia