Economia

Italia

Salone del Mobile 2017, i buyer da tutto il mondo arrivano in Italia: come intercettarli

Print
Salone del Mobile 2017, i buyer da tutto il mondo arrivano in Italia: come intercettarli

In un mondo sempre più glocal è bene ricordare che se molte strategie di marketing sono rivolte a vendere oggetti di design nel mondo, in alcuni giorni dell'anno molti buyer internazionali ce li abbiamo letteralmente in casa. In occasione del Salone del mobile, Milano è ancora di più la capitale mondiale del design.

Una ghiotta occasione per impostare campagne di marketing e digital marketing per attirare e accogliere al meglio i potenziali clienti internazionali dentro la fiera presso il nostro stand, nel nostro negozio, presso la nostra fabbrica, nell'ambito di qualche evento da noi organizzato, nel nostro studio di architettura o nell'ambito dei tanti eventi organizzati nella Design Week o nel Fuorisalone. Con un giusto piano di digital marketing è possibile entrare in contatto con buyer, potenziali clienti, partner in occasione del Salone del Mobile e di tutti gli eventi connessi. Oggi è piuttosto facile avviare campagne ad hoc sfruttando i profili molto precisi e ben delineati del tipico visitatore o attore commerciale in visita al Salone. Basti pensare al targeting di Facebook Ads, l'immensa rete advertising di Google fra search e contextual adv, Linkedin, le attività internazionali legate al content marketing e molte altre piattaforme o tecniche.

Il main event si snoderà fra SaloneSatellite, Euroluce 2017,Workplace 3.0, DeLightFuL – Design, Light, Future, Living,  xLux, Space&interiors 2017, dettagli per l’architettura. Diversi ambiti nei quali intercettare nuovi potenziali clienti attraverso, ad esempio delle attività di digital marketing, studiando le rispettive personas.

Questa sarà un'edizione con altissima presenza di acquirenti internazionali che rappresentano la maggior parte dell'indotto commerciale relativo all'evento.

Basti pensare che l'edizione 2016 del Salone e del Fuorisalone ha generato 220 milioni di euro di indotto e il 90% di questo viene dagli stranieri. Molto interessante che dell'indotto più di 170 milioni vengono spesi per l'alloggio (molto importante qua il business legato ai design hotel), 20 milioni spesi nello shopping, per aperitivi e cene si spendono 19 milioni , 4 milioni per i trasporti.

Dalle stesse parole di Roberto Snaidero presidente del Salone: “Questa edizione con la presenza del 67% di operatori esteri, la maggior parte di alto profilo e con forte potere di acquisto, secondo i giudizi degli espositori, ha confermato, ancora una volta, la forte vocazione internazionale e l’importanza dell’export come elemento ormai imprescindibile del settore".

Nella 56°edizione del Salone sono attese più di 300.000 presenze da tutto il mondo. Dalle parole di Roberto Snaidero: "Abbiamo un segno più su tutti i mercati, in particolare in Cina, Stati Uniti, Francia e lentamente stiamo recuperando anche in Russia". Quindi anche buone notizie dai russi che tornano in Italia secondo gli ultimi dati Global Blue e le ultime notizie che arrivano dal Mitt di Mosca in questi giorni dove il Belpaese si è presentato al meglio. Fra gli accordi strategici Italia-Russia numerosi voli diretti verso le province italiane e collegamenti diretti Pisa-Mosca con la compagnia Pobeda del gruppo Aeroflot e S7 Airlines, i voli Olbia-Mosca con Meridiana, e Mosca-Genova con S7. 

Importanti iniziative per valorizzare il territorio e svilupparlo anche economicamente. Occasioni da prendere al volo dato che i russi arrivano un po' in  tutta Italia. Non manca che indirizzarli verso le nostre aziende e le nostre attività commerciali.

ALTRI ARTICOLI di Economia