Economia

Mercati

Moda sostenibile: un bando da 875mila euro

L'iniziativa intende sostenere le Pmi, le startup e i designer finanziando i progetti che rivolgono una particolare attenzione alla sostenibilità e a un modello di business circolare
Print
Moda sostenibile: un bando da 875mila euro

Che l’industria della moda abbia un problema serio con la sostenibilità ambientale non è un mistero. Allo stesso tempo il settore non solo è più sensibile a questi temi, ma è sempre più incline ad adottare soluzioni concrete e innovative.

Per aiutare il fashion business a essere più innovativo e sostenibile l’Europa ha stanziato 875mila euro attraverso il programma europeo COSME. Il bando Accelerare ed estendere applicazioni innovative per un’industria della moda sostenibile e circolare scadrà il 17 dicembre 2019 e intende sostere le Pmi, le startup e i designer italiani e non solo, del settore moda, finanziando i progetti che rivolgono una particolare attenzione alla sostenibilità e a un modello di business circolare, mostrando anche capacità di cooperazione transnazionale per il trasferimento di conoscenze e buone pratiche, favorendo l’espansione di applicazioni, prodotti e processi innovativi per una moda sempre più orientata al green.

Gli obiettivi vanno dalla promozione della competitività al miglioramento delle performance ambientali del comparto fashion in Europa, attraverso attività di capacity building, dall’individuazione dei principali ostacoli che impediscono al settore della moda europea di diventare più sostenibile e circolare all’adozione delle relative soluzioni per migliorare la sostenibilità e la circolarità del settore stesso.

L’iniziativa intende rivolgersi in modo particolare ai fashion designer, ai creativi, agli artigiani, agli innovatori, alle imprese – in particolare quelle tecnologiche – interessati a sviluppare partnership creative e a lanciare prodotti altamente innovativi, pronti a dare il proprio contributo portando alla luce delle idee progettuali nei settori del tessile, delle calzature, dell’arredamento, delle decorazioni per la casa, del cuoio, della pellicceria, dei gioielli e degli accessori.

ALTRI ARTICOLI di Economia