Economia

Mercati

Consumi: green is the new black

Indagine Capgemini: la pandemia ha influenzato i comportamenti d’acquisto dei consumatori all’insegna della sostenibilità
Print
Consumi: green is the new black

Un nuovo rapporto del Capgemini Research Institute ha preso in rassegna l'impatto che la sostenibilità ha sulle scelte dei consumatori e in che modo le organizzazioni di prodotti e vendita al dettaglio comprendono le loor aspettative dei consumatori.

L’istituto di ricerca ha intervistato 7.500 consumatori in tutto il mondo per capire le loro preferenze, i comportamenti e le aspettative sulla sostenibilità. Allo stesso tempo sono stati intervistati 750 senior manager in vari sottosettori del retail e della distribuzione per ottenere maggiori approfondimenti sul livello di maturità circa queste tematiche, le priorità e le prospettive di sostenibilità.

Il rapporto, intitolato Consumer Products and Retail: How sustainability is fundamentally changing consumer preferences rileva che la sostenibilità ha per prima cosa innalzato la consapevolezza dei clienti: il 79% dei consumatori sta cambiando le proprie preferenze di acquisto in base alla responsabilità sociale, all'inclusione o all'impatto ambientale. Il 67% dei consumatori ha dichiarato di essere più informato riguardo alla scarsità di risorse naturali a causa della crisi Covid-19 e il 65% ha dichiarato di essere più consapevole dell'impatto delle loro abitudini di consumo complessivo nella cosiddetta "nuova normalità".

Preoccupazioni legate alla sostenibilità stanno insomma influenzando il comportamento dei consumatori in più della metà della popolazione: il 53% dei consumatori nel complesso e il 57% nella fascia di età 18-24 anni sono passati a marchi meno conosciuti perché sostenibili.

Più della metà dei consumatori (52%) afferma di avere una connessione emotiva con prodotti o organizzazioni che considera sostenibili. Il 64% afferma che l'acquisto di prodotti sostenibili li rende felici per i loro acquisti (questo raggiunge il 72% nella fascia di età 25-35).

Le organizzazioni comprendono anche i benefici che la sostenibilità ha sui loro rapporti con i clienti: il 77% indica che la sostenibilità porta ad un aumento della fidelizzazione dei clienti, mentre il 63% afferma che aumenta le entrate legate a un brand specifico.

Consumatori e imprese hanno ancora molto da imparare
Nonostante le buone intenzioni, esiste tuttavia un divario tra ciò che i consumatori ritengoono di sapere e ciò che realmente sanno sulla sostenibilità: il 78% dei consumatori ad esempio non è consapevole del fatto che occorrono 1.000 litri di acqua per produrre una barretta di cioccolato e il 68% non è consapevole che un hamburger medio produce più emissioni rispetto alla guida di 15 km in una macchina di grandi dimensioni. Quasi il 68% dei consumatori che hanno acquistato questi prodotti erano disposti ad acquistare un prodotto più sostenibile una volta che fossero stati informati dei problemi di sostenibilità. Ciò evidenzia la necessità di disporre di maggiori informazioni su queste tematiche e rafforza l'importanza dei brand che guidano l'agenda della sostenibilità.

 

Allo stesso tempo esiste un divario di conoscenza tra rivenditori e produttori che pensano che i loro acquirenti ne sappiano più di loro. Il 65% dei manager intervistati hanno affermato che i loro consumatori sono molto consapevoli delle loro iniziative di sostenibilità, ma il 49% affermano di non avere alcuna informazione per verificare le dichiarazioni di sostenibilità dei prodotti e il 44% afferma di non fidarsi delle dichiarazioni di sostenibilità dei prodotti.

La maggior parte delle organizzazioni è ancora sulla superficie della sostenibilità
Quasi l'80% delle organizzazioni menziona l'impatto sui margini o sul carico dei costi come un problema che ha ridimensionato le iniziative di sostenibilità e per quasi tre su quattro organizzazioni, altre questioni hanno la priorità.

Tre su quattro (75%) delle organizzazioni di RCP affermano di disporre di una strategia, di un’infrastruttura e di risorse per guidare la sostenibilità e gli sforzi dell'economia circolare. Tuttavia, quando si tratta di implementare iniziative a livello aziendale che hanno un impatto, meno di un quarto delle organizzazioni lo hanno gestito.

Le iniziative più comunemente ridimensionate sono politiche del lavoro eque e condizioni di lavoro sicure, con il 48% delle organizzazioni che affermano di aver raggiunto un ridimensionamento in queste aree. Al contrario, l'IT sostenibile, che comporta la riduzione dell'impatto dell'impronta digitale (come l'efficienza energetica nei data center), è stato ridimensionato di appena il 18%.

Inoltre, nonostante la pandemia abbia portato a una rinnovata attenzione all'economia circolare, solo il 18% dei dirigenti ha investito in iniziative di economia circolare e solo il 35% prevede di investire in questo settore nei prossimi tre anni.

Il rapporto di Capgemini identifica quattro migliori pratiche per accelerare la sostenibilità che le organizzazioni possono emulare per guidare i loro programmi green sul lungo termine: educare i consumatori e autorizzare i dipendenti a incorporare pratiche sostenibili; posizionare la tecnologia al centro delle iniziative di sostenibilità; fornire una governance solida per la sostenibilità; collaborare con l'ecosistema più ampio per un impatto maggiore.

ALTRI ARTICOLI di Economia