Economia

Mercati
Italia

Come ripartiamo? La parola a Confindustria Alberghi

Più sinergia e managerialità per voltare pagina
Print
Come ripartiamo? La parola a Confindustria Alberghi

Stato dell’arte e ripresa di alcuni settori chiave dell’economia italiana: quali strade percorrere? Ne parliamo con i nostri partner contrattuali. Intervista a Maria Carmela Colaiacovo, vicepresidente Confindustria Alberghi.

Come arriva il vostro settore alla fine del 2020?
«Quello che sta vivendo il settore è una crisi senza precedenti, grave, profonda e per molte realtà rischia di essere irreversibile. Il 2020 si chiude con una riduzione di fatturato che arriva all’80% rispetto al 2019. Un dramma per le imprese e per le tante famiglie che hanno costruito negli anni il turismo in Italia».

Cosa serve per ripartire? 
«Le misure assunte dal governo sino ad oggi, se da un lato possono apparire importanti (Imu, Affitti ecc.), dall’altro, con il protrarsi della crisi, si sono rivelate del tutto insufficienti. Basti pensare ai cosiddetti ristori, che non arrivano a coprire neppure il 10% delle perdite che le aziende stanno sopportando. Servono aiuti robusti e immediati con un percorso di accompagnamento che tenga in vita le aziende fino a che il mercato non ricomincerà a muoversi».

Qual è il vostro ruolo come organizzazione di rappresentanza? 
«Abbiamo rafforzato il dialogo e il confronto con le istituzioni, in un momento in cui avvertiamo forte l’esigenza di colmare quella mancanza di reale conoscenza del settore che appare troppo spesso nei provvedimenti assunti».

Come possiamo fare sinergia per rilanciare il settore e l’economia?
«Questa crisi ha evidenziato, al di là di ogni dubbio, la rilevanza del settore alberghiero in Italia e la stretta interconnessione con alcune delle filiere più importanti dell’economia del Paese, dall’edilizia all’agroalimentare, dalla moda al design, che stanno soffrendo in conseguenza del blocco del nostro settore. La consapevolezza che l’economia del turismo è trainante per molti settori, ci permette di riflettere e operare su uno spettro molto più ampio di sinergie e pone il settore al centro di un’azione di rilancio dell’economia».

Qual è il ruolo di managerialità e innovazione?  
«La crisi ha accelerato processi già in essere nel nostro settore. Tra questi certamente managerialità e innovazione, che in un mercato globale così competitivo sono le leve principali della concorrenza. Certamente lo saranno ancora di più nei prossimi mesi, quando le imprese saranno chiamate a una ripartenza particolarmente incerta e complessa, dove le capacità manageriali e l’apertura all’innovazione faranno la differenza».

LEGGI ANCHE:

Come ripartiamo? La parola a Confcommercio
Come ripartiamo? La parola a Federalberghi
Come ripartiamo? La parola a Confetra
Come ripartiamo? La parola ad Assologistica
Come ripartiamo? La parola a Federagenti

ALTRI ARTICOLI di Economia