Attualità

Società

Perché diciamo bugie sul lavoro?

Una ricerca di Glassdoor svela le ragioni principali per cui si mente
Print
Perché diciamo bugie sul lavoro?

Malattie immaginarie, esperienze mai maturate nel cv, giudizi insinceri sui colleghi e manager e molto altro: le bugie nei contesti professionali sembrano essere all’ordine del giorno, almeno a giudicare da una ricerca di Glassdoor. L’indagine, svolta su un campione di lavoratori del Regno Unito, ha rivelato che il 49% mente, il 44% ha dichiarato di farlo per evitare di mettersi nei guai e il 34% per nascondere degli errori commessi.

Il 40% ha raccontato bugie perché era “più facile essere d’accordo con la maggioranza” e il 24% ha dichiarato di mentire perché al loro manager o ai colleghi non piaceva sentire opinioni diverse dalle loro. Il 17% ha affermato di aver mentito perché si sentiva a disagio nel dare un feedback onesto ai propri colleghi.

Il 72% del campione ha detto che l’autenticità sul lavoro permette di creare una cultura solida e il 77% che questa favorisce le relazioni tra colleghi e clienti, ma solo il 51% crede che i loro CEO e manager siano autentici.

E i manager? Anche loro tendono a mentire, anche se le ragioni ufficiali addotte sembrano essere legate a una “gestione diplomatica” dei feedback sui team di lavoro, dunque per evitare di ostacolare i collaboratori e causare costi all’azienda. Già: un giudizio onesto per molti può distruggere la motivazione delle persone e dunque si ricorre non di rado alle cosiddette "bugie bianche". Un discorso particolare poi è legato alla trasparenza su retribuzione e bonus, argomento molto sensibile per i dirigenti.

Nella fase specifica che stiamo vivendo, inoltre, la preoccupazione legata alla sicurezza degli ambienti di lavoro e all’adozione di standard rigidi per rispettarla induce a sorvolare su aspetti come la possibile trasmissione del virus in ufficio e a questo proposito molti lavoratori hanno mentito pur di non rientrarci fisicamente. Insomma, la sincerità sembra essere una merce rara in azienda.

ALTRI ARTICOLI di Attualità