Attualità

Trend

Home office boom

Alcune tendenze su cui riflettere
Print
Home office boom

Il coronavirus ha mischiato un po’ le carte del lavoro in ufficio. Se in passato lo smart e/o home working era un “posso” ora è diventato un “devo” e per alcuni, in particolar modo i lavoratori della conoscenza, un “voglio e pretendo”. Non è vero però, come molti affermano, che andiamo verso una gestione del lavoro al 100% in remoto, ma alcuni cambiamenti osservati in questo periodo saranno permanenti.

Alcuni highlights.

1) Stipendi in calo, motivo: se i dipendenti non devono più pagare l’alto costo della vita in città, ma vivono in campagna, si giustifica una riduzione.

2) Job offshoring, motivo: durante il Covid molte imprese hanno sperimentato, e con successo, il lavoro di alto livello a grande distanza rinunciando a trasferte e riunioni in loco.

3) Aumentano i costi per l’home office, motivo: i dipendenti-collaboratori pretenderanno non solo il computer portatile ma l’intero allestimento per lavorare bene da casa (scrivania, sedia, illuminazione, sussidi per cibo e assistenza all’infanzia ecc.).

4) Crescita dell’offsite meeting, motivo: meno vita in ufficio significa più vita fuori dall’ufficio, con incontri scenici e motivanti che sono un misto di riunione, conferenza ed evento di gala.

5) Meno uffici ed edifici per tutti, motivo: si lavorerà in ufficio solo quando ha veramente senso e alcune imprese aboliranno completamente, o quasi, l’ufficio puntando su spazi temporanei (temporary coworking space).

DALL'ULTIMO NUMERO DI DIRIGIBILE, L'INSERTO DELLA RIVISTA DIRIGENTE DEDICATO ALL'INNOVAZIONE, AGLI SCENARI E ALLE OPPORTUNITÀ DI UN FUTURO CHE È GIÀ PRESENTE. LEGGILO QUI.

ALTRI ARTICOLI di Attualità