Attualità

Società

La Svizzera è il paese migliore dove vivere e lavorare?

Il paese elvetico in testa alle preferenze secondo un'indagine mondiale di HSBC
Print
La Svizzera è il paese migliore dove vivere e lavorare?

Secondo il report annuale di HSBC la Svizzera è il paese migliore al mondo dove vivere e lavorare. Come ogni anno il colosso bancario ha stilato la sua classifica sul benessere dei paesi in termini di qualità della vita e qualità del lavoro. L'indagine tiene conto delle risposte di oltre 18mila persone emigrate in 163 posti differenti, relativamente a standard di vita e competitività degli stipendi.

Il vincitore di questa edizione 2019 è la Svizzera, che supera Singapore, vincitore di questa speciale classifica per ben cinque anni di seguito. Il successo è dovuto principalmente alla solidità economica, che in un periodo di profonda incertezza sembra aver giocato un ruolo determinante. Lo scorso anno la Svizzera aveva chiuso questa classifica di HSBC all'ottavo posto. Quest'anno, invece, è stata protagonista di un'importante scalata grazie alle sue certezze.

L'indagine ci dice che circa l'82% delle persone che si sono trasferite in Svizzera per questioni lavorative hanno migliorato il loro tenore di vita rispetto al paese di provenienza, ma anche il loro reddito, con uno stipendio medio di 111.587 dollari (la media mondiale è di 75.966 dollari). Le percentuali di gradimento sono risultate altissime in fatto di sistema economico e politico. A giocare un ruolo fondamentale anche l'ambiente. La maggioranza del campione preso in esame da HSBC, infatti, ha dichiarato di percepire un ambiente pulito e di sentirsi, per tale ragione, più sana.

Il podio di questa particolare classifica è poi composto da Singapore e Canada. Il paese del sudest asiatico è considerato un'eccellenza per quanto concerne il sistema scolastico, e per questo motivo viene preferito da chi deve trasferirsi con a seguito dei bambini. Le percentuali dicono che circa il 62% degli intervistati ha dichiarato che il sistema scolastico a Singapore è migliore rispetto al proprio paese d'origine, mentre il 69% ha valutato l'opportunità offerta ai propri figli di apprendere nuove lingue. Il Canada, invece, registra punte di eccellenza per il suo sistema di accoglienza molto aperto. Subito sotto al podio, la Spagna. Il paese iberico, secondo il campione preso in esame da HSBC è in grado di offrire un ottimo equilibrio fra vita privata e professionale.

L'Italia si piazza al 28esimo posto, ed è una new entry nella top 30. La qualità della vita sarebbe anche più alta (siamo al 23esimo posto), ma paghiamo il giudizio negativo si riversa sul fronte professionale. I progressi di carriera, infatti, non sono un punto forte del nostro sistema. Altra nota dolente la nostra stabilità economica, ritenuta evidentemente insufficiente.

ALTRI ARTICOLI di Attualità