Attualità

Società

Istat: nel 2020 crollo delle nascite in Italia

Potremmo scendere sotto le 400 mila unità. La priorità è rendere compatibili lavoro e maternità coinvolgendo anche i padri
Print
Istat: nel 2020 crollo delle nascite in Italia

Le dichiarazioni del presidente dell’Istat Gian Carlo Biangiardo al Corriere della Sera tracciano uno scenario demografico preoccupante per l’Italia. Non è solo la crisi sanitaria legata al Coronavirus che dovrebbe preoccuparci, ma anche la quantità di culle vuote. Già a gennaio 2020, prima della pandemia, si registrava un calo dell’1,5% rispetto al 2019.

"Vedremo dai dati di dicembre quanto la paura avrà inciso, a partire da marzo. Contano anche l’incertezza sul lavoro e le difficoltà della vita quotidiana, che inducono le persone a posticipare il momento di avere un figlio fin quando magari diventa tardi. Fare previsioni è difficile, ma temo che nel 2021 potremmo scendere sotto le 400 mila nascite".

Nel 1964 erano più di un milione e nel 2008 576 mila. "Da notare che il declino riguarda anche la popolazione straniera. L’immigrazione oggi porta 62 mila nati all’anno, dopo essere arrivata a 80 mila. Ma aldilà dei fattori congiunturali — la crisi, la pandemia — in Italia c’è soprattutto un effetto strutturale, perché si sta riducendo il numero di persone in età feconda. I nati all’apice del baby boom oggi hanno 56 anni. Le generazioni in età riproduttiva saranno sempre più ristrette".

CLICCA QUI PER APPROFONDIRE IL PROGETTO DI MANAGERITALIA UN FIOCCO IN AZIENDA - un programma concreto per aiutare genitori e aziende ad affrontare serenamente la maternità e facilitare il rientro in azienda delle mamme.

ALTRI ARTICOLI di Attualità