Attualità

Società

Campionato italiano di memoria: sfida a colpi di neuroni

Il 16 marzo a Milano quindici atleti della mente italiani e stranieri si affronteranno in dieci discipline diverse: codici binari, nomi e visi, immagini astratte, numeri casuali, mazzi di carte, parole in ordine casuale, ricordo di numeri pronunciati ad alta voce, date storiche
Print
Campionato italiano di memoria: sfida a colpi di neuroni

Le abilità mnemoniche superiori alla media sorprendono sempre e possono diventare una sorta di "show dei record". Non è da tutti essere in grado di ricordare sequenze di numeri e parole, numeri in ordine casuale, codici binari, date storiche, ma anche volti e nomi di persone in pochi secondi senza commettere errori.

Queste sono solo alcune delle sfide che dovranno affrontare gli undici concorrenti in gara alla settima edizione del Campionato Italiano di Memoria Open 2019 che si svolgerà a porte chiuse il 16 e 17 marzo al Boga’s Space di Via Seprio 2 a Milano. Ideato da Matteo Salvo, Presidente dell'Italian Memory Sport Council e primo e unico italiano detentore del titolo di International Master of Memory ai Campionati di Londra del 2013, il campionato vedrà protagonisti anche un concorrente tedesco, Bernd Dr. Evers; un bambino serbo di soli dodici anni, Zan Arsov, ed una Memory Girl indiana, Sri Vyshnavi Yarlagadda, la donna più giovane e la prima in assoluto in India ad aver conseguito il prestigioso titolo di International Master of Memory. 

Gli atleti della mente si affronteranno in un’appassionante maratona mentale per aggiudicarsi il titolo nelle categorie Open Memory Championship e Campionato Italiano. Le prove testeranno le tecniche di memorizzazione visiva, testuale e alfanumerica dei concorrenti in dieci discipline diverse: Nomi & visi (Names & Faces), Codici binari (Binary Numbers), Immagini astratte (Abstract Images), Sequenze veloci di numeri (Speed Numbers), Numeri in ordine casuale (Random Numbers), Parole in ordine casuale (Random Words), Mazzi di Carte (Random Cards), Date storiche (Historic/Future dates), Numeri pronunciati ad alta voce (Spoken Numbers) e Sequenze veloci di carte (Speed Cards).

A contendersi l’ambito titolo saranno ''menti'' come quelle di Silvio Di Fabio, già vincitore delle ultime due edizioni del Campionato e detentore di tre record nazionali, rispettivamente nelle discipline di: memorizzazione di codici binari (Binary numbers), nel quale ha ricordato senza errori un codice binario composto da 1.936 cifre – superiore al suo stesso record 2017 di 1.681 cifre; memorizzazione di numeri casuali (Random Numbers), nel quale ha ricostruito in 30 minuti un numero di 726 cifre e memorizzazione di mazzi di carte in ordine casuale (Random Cards), nel quale ha ricordato senza errori 370 carte – pari a più di 7 mazzi – in 30 minuti di tempo. E ancora: Matteo Di Cianni, secondo classificato 2018 e già campione nel 2016, che ha battuto tre importanti record memorizzando 3 mazzi da 52 carte in 10 minuti; 360 numeri binari in 5 minuti e 40 date storiche in 5 minuti.

ALTRI ARTICOLI di Attualità