Attualità

Società

Si può essere amici sul lavoro?

L’Academy of Management Review ha di recente pubblicato uno studio dal titolo Il lato oscuro dell’amicizia sul lavoro
Print
Si può essere amici sul lavoro?

È possibile instaurare una sincera amicizia sul luogo di lavoro? La domanda è al centro di un recente studio intitolato Friends Without Benefits: Understanding the Dark Sides of Workplace Friendship, pubblicato sulla rivista Academy of Management Review. 

Sebbene molti studi abbiano ipotizzato che le amicizie sul posto di lavoro conducano a risultati organizzativi positivi, un crescente numero di ricerche suggeriscono criticità associate alle amicizie sul luogo di lavoro.

Il motivo è semplice: le quattro caratteristiche che definiscono l’amicizia (informalità, volontarietà, visioni comuni e aspetti socio-emotivi) vanno in contrasto con i quattro elementi fondamentali della vita d’ufficio (ruoli formali, vincoli involontari, scambi professionali e obiettivi strumentali). 

Secondo Julianna Pillemer e Nancy P.Rothbard dell’Università di Pennsylvania, autrici dello studio, può succedere addirittura che le amicizie sul lavoro siano controproducenti. A tal punto da arrivare a minacciare gli obiettivi aziendali. «Ci sono complessità e tensioni che sorgono a causa del lavoro che rendono l’amicizia più difficile da mantenere», ha spiegato Nancy Rothbard. «L’amicizia ha natura informale, volontaria, è basata sullo scambio e sulla necessità; se ho bisogno di te, risponderai. Ma le aziende, al contrario, si basano su ruoli formali e sugli obiettivi da perseguire che non sono necessariamente obiettivi relazionali. Queste diverse caratteristiche della vita organizzativa a volte si scontrano con i principi di un’amicizia».

La teoria delle due esperte è che essere amici e colleghi contemporaneamente può dimostrarsi a lungo andare molto complicato, un lavoro tutt’altro che semplice. Perché mentre le amicizie diventano più profonde quando si risolvono conflitti e discussioni (alla prima discussione superata, in genere un’amicizia vera matura, cresce, si fortifica) in ufficio no. 

«Sul lavoro gli individui sono più propensi ad amplificare i conflitti, allontanandosi dal risultato e dai target da raggiungere» spiegano le esperte. Oppure può succedere esattamente il contrario: le persone tenderanno a privilegiare gli aspetti emotivi e l’amicizia anteponendoli al lavoro. Il risultato, in entrambi i casi, sarà un disastro.

ALTRI ARTICOLI di Attualità