Future packaging: grandi marche senza imballaggio

Il consumatore oggi pretende dalle imprese soluzioni che siano utili al pianeta, o meglio confortevoli nell’uso, che deve semplificare e non penalizzare
Print
Future packaging: grandi marche senza imballaggio

O quasi. Usare cento volte lo stesso barattolo per ricaricare il gelato Häagen-Dazs o lo stesso flacone per ricaricare il detersivo Tide? Impossibile? Non per Loop, la nuova piattaforma lanciata da alcune multinazionali di largo consumo come Unilever, Procter & Gamble e General Mills, dove i consumatori possono ordinare prodotti di marca in imballaggi riutilizzabili anche cento volte.

Il tutto con un servizio di consegna e ritiro a casa tramite Ups. Giusto così: la futura Plastic-Free Economy è un dovere sostenibile ma anche diritto redditizio. Il consumatore oggi pretende dalle imprese soluzioni che siano utili al pianeta, o meglio confortevoli (convenience) nell’uso, che deve semplificare e non penalizzare (chiedendo grossi sacrifici).

Il trend è chiaro: affermarsi come zero waste company.  

LEGGI QUI I TREND SULLA SOSTENIBILITÀ, NE PARLIAMO NELL’ULTIMO NUMERO DI DIRIGIBILE, (l’inserto della rivista DIRIGENTE dedicato all'innovazione, agli scenari e alle opportunità di un futuro che è già presente).

LEGGI QUI TUTTI I NUMERI DI DIRIGIBILE